VILLAGGIO DELLE ARTI E DEI NUOVI MESTIERI

Più che un progetto un’idea che nasce dall’evidenza di un vuoto.

La sinergia tra Casting Community e Modena Come ha portato alla decisione di presentare un’idea di Villaggio delle Arti e dei Nuovi Mestieri all’istruttoria pubblica del 28 giugno sulla Riqualificazione del Parco Ferrari.

L’idea è quella di realizzare strutture dotate delle più avanzate teconologie che permetterebbero di insegnare ad utilizzare i nuovi media e le risorse date da internet per accedere a nuovi mestieri, on line e offline, intendendo con questo scrittura, produzione, commercializzazione di tutto quello che riguarda l’editoria online (es e-book eventualmente corredati da prodotti multimediali), la formazione di nuove particolari figure professionali in grado di occuparsi di content curation (indispensabili nelle redazioni di riviste online, web tv, e-learning), di organizzazione e gestione di iniziative formative online, marketing online, web semantico, web tv, nuovi format per internet e canali digitali, comunicazione crossmediale, fiction da fruire via internet.

La redazione di una web-tv, l’allestimento di un piccolo studio di ripresa per servizi giornalistici e di documentazione potrebbe diventare la sintesi logistica di un insieme di attività e iniziative interne ed circostanti il Parco Ferrari.

In aggiunta ai laboratori dei nuovi mestieri ci potrebbero essere strutture in grado di ospitare laboratri artigiani in cui si possano insegnare i segreti delle arti, dalla fotografia alla pittura, dalla liuteria al restauro di mobili antichi, dall’intaglio del legno all’oreficeria, dalla pelletteria artigiana alla scultura con ogni materiale alla sartoria di qualità.

I laboratori potrebbero essere ospitati in strutture di legno e vetro perfettamente integrate in un paesaggio con alberi a grande fusto, caratterizzate da un impatto visivo gradevole e soprattutto discreto. Le dimensioni dovrebbero essere diverse a seconda delle funzioni che verrebbero ospitate, alcune potrebbero essere piccole strutture ricettive per gli studenti dei corsi che avrebbero come caratteristica una durata limitata nel tempo, dal master universitario al corso di alta formazione per finire con semplici workshop e corsi a tutti i livelli.

Nel 2005 alcuni progetti della facoltà di Architettura del Politecnico di Torino prevedevano una serie di costruzioni da assegnare a funzioni di campus universitario.

Noi proponiamo qualcosa di più versatile, un villaggio che possa essere prenotato ed utilizzato da vari enti ed associazioni utilizzando nell’assegnazione il criterio dell’eccellenza delle proposte formative.

In realtà, un villaggio di questo tipo non necessariamente deve essere posizionato al Parco Ferrari ma riteniamo che questo sarebbe un ottimo contesto perchè permetterebbe di avere un luogo che comunicando tranquillità favorirebbe la concentrazione. Un auditorium-cinema-teatro-spaziozio multifunzione all’aperto sarebbe importante per ospitare sia eventi di piccola portata che saggi di fine corso che prevedano un palcoscenico oltre a servire per proiezioni estive magari di rassegne composte da lavori di giovani emergenti.

Il lago canale, i giardini pensili con qualche locale discreto e di qualità potrebbero completare l’opera.

Non abbiamo la pretesa di essere particolarmente originali o di avere la soluzione ideale: certo che un villaggio di questo tipo potrebbe portare un beneficio alla città, all’università, alle scuole superiori e a tutti quegli enti o associazioni che hanno un interesse ad insegnare, a trasmettere qualcosa di particolare ad un ottimo livello. Potrebbe essere un utile complemento anche alle iniziative che Camera di Commercio e Comune (ci riferiamo in particolare all’assessorato all’economia) stanno mettendo in atto per favorire l’imprenditoria giovanile, una buona occasione per recuperare un po’ dello spirito modenese arricchendolo con le opportunità offerte dalla nuova comunicazione senza perdere il fascino della storia e del bello.

Un’ultima nota per dire che riteniamo importanti tutti gli interventi che avranno la funzione di abbellire e conferire magia al Parco Ferrari e a qualsiasi altro luogo di Modena. I turisti che sicuramente arriveranno attirati dal Museo Ferrari e visiteranno il nostro centro dovranno avere un motivo per fermarsi. E ci si ferma soltanto dove ci si sente bene.

 

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: