Salviamo Piazza Matteotti

(guarda il video a fine pagina)

Il Consiglio comunale ha approvato il sondaggio a campione sul progetto di imbruttimento di piazza Matteotti.

L’opposizione ha parlato di “strumento inutile”
“Demandare la scelta a un sondaggio su un campione di 800 persone mi sembra inefficace e dimostra l’incapacità della Giunta a decidere su un tema che le compete”, ha commentato Andrea Galli.
Adolfo Morandi ha aggiunto che “se si vuole avere il parere della città bisogna usare uno strumento di altra natura perché il sondaggio è troppo limitato. La stessa maggioranza non ci crede fino in fondo e continua a ripetere che il progetto non è messo in discussione e che i cittadini hanno già scelto votando il programma elettorale”.

E’ bene ricordare che nessuno ha mai firmato delle cambiali in bianco soprattutto con il rischio che possano cadere nelle mani decisioniste di qualcuno. I cittadini di Modena non possono permettere che vengano rovinate uno dopo l’altra le piazze e le strade della città.

Salviamo Piazza Matteotti da chi intente realizzare un progetto orribile, eliminare gli alberi, portare la piazza al sole, attivare un cantiere nel centro della città che rimarrebbe aperto per anni con l’intento di costruire dei box sotterranei che i residenti non hanno nessuna intenzione di comprare. Il tutto a 100 metri dal Novi Sad altro recente scempio purtroppo in via di ultimazione da parte della premiata ditta.

“A differenza di quanto dichiarato dall’assessore Sitta in un’intervista, l’utilizzo di strumenti di partecipazione mi sembra appropriato per un tema come questo, che è collegato a tutto il sistema della gestione della ristrutturazione delle piazze del centro”, ha affermato Vittorio Ballestrazzi, Modenacinquestelle.it.

“Così com’è stato proposto, però, tramite sondaggio che coinvolgerà solo 800 cittadini, non serve a niente, perché non se ne accorgerà nessuno”, ha aggiunto.
Sergio Celloni, Mpa, ha sottolineato che il compito di prendere decisioni spetta all’Amministrazione e che la piazza non necessita di stravolgimenti, “ma di interventi che le restituiscano vivibilità nel modo più corretto e adeguato per la città. Stiamo lavorando con un gruppo di esperti – ha aggiunto – e presenteremo una proposta”.

Per quanto discutibile il sondaggio è comunque importante, si tratta di partecipare alla progettazione del futuro della città che non può essere regalato alle decisioni personali di qualche assessore con manie di business.


Salvare Piazza Matteotti è oggi fondamentale per salvare anche le altre piazze, facciamo girare le informazioni, organizziamo iniziative, facciamo in modo che ogni cittadino di Modena sia messo a conoscenza di quello che stanno cercando di fare, organizziamoci per mettere scritte, disegni, cartelli, strisce colorate, aquiloni, progetti, idee attorno agli alberi di Piazza Matteotti, attorno agli alberi che qualche genio del paesaggio e dell’urbanistica vorrebbe mettere in fila indiana in modo che facciano ombra sulla strada e non più sulla piazza, facciamo in modo che tutti possano sapere anche gli 800 cittadini che saranno intervistati telefonicamente.

Non si tratta nemmeno di entrare troppo nello specifico progetto di Botta, lo stesso del muro da mettere in Piazza Mazzini. Si tratta di dire no all’imbruttimento della città, all’occupazione delle piazze, delle strade, delle aree vuote da parte di una politica urbanistica incapace di progettare la qualità della vita per i cittadini.

Gabriele Morelli

 

 

Piazza matteotti di castzine

 

 


 

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: