Il nuovo piano sosta? Il nuovo marketing costrittivo !

Il nuovo piano sosta ha degli obiettivi precisi, fare in modo che Modena Parcheggi possa raccogliere in fretta i soldi che sono stati investiti nella realizzazione dello scempio del Novi Park che ha comportato la contemporanea distruzione di un bene culturale.
A Sitta e compagni non importa proprio nulla di rendere più funzionale e agevole il parcheggio in città o di valorizzare liberandole dalle auto alcune aree cittadine.
Il nuovo piano sosta punta dritto a costringere i modenesi a comprare un box auto nel parcheggio interrato a due piani al Novi Park o in alternativa a fare un abbonamento annuale per un posto macchina.
Si tratta di una una nuova metodologia di marketing, il marketing costrittivo. Non hanno significato altrimenti le facilitazioni, i premi, i gadget, i regali pensati solo per chi compra un garage al Novi Park.
Ad esempio a loro sarà concessa una sosta gratuita di 90 minuti in centro, a loro sarà concesso l’uso gratuito della navetta per arrivare in centro .. e via di questo passo.
Ai modenesi il parcheggio interrato  al Novi Park non è piaciuto più di tanto, dopo mesi di marketing tradizionale ne sono stati venduti soltanto 80 su 350 disponibili. Allora via con il marketing non convenzionale, il marketing costrittivo, il comune rende impossibile parcheggiare, attiva tariffe orarie da fuori  di testa – fino a 1 euro e 50 all’ora – per forzare gli altri 270 modenesi che mancano all’appello a comprare il box auto interrato.
Per ottenere questo risultato ci si muove senza scrupoli, si arriva a far pagare la sosta a chi in centro ci abita tramite abbonamenti annuali, si costruisce un sistema di tariffe differenziate in modo tale che sia possibile parcheggiare gratuitamente soltanto nelle immediate vicinanze dei paesi limitrofi, cioè da nessuna parte.
Se pensiamo che nei progetti di Sitta la stessa identica cosa si dovrebbe fare anche in Piazza Matteotti, non resta che chiedere l’intervento dell’Onu a tutela dei diritti umani dei modenesi.
Sarà un colpo mortale all’economia del centro e di tutta la città, un piano di sosta forzata delle attività commerciali. Ma che importa ? Questi amministratori rispondono ad altri interessi, non certo a quelli dei cittadini.
Vuoi parcheggiare gratis ? Lo puoi fare, vai alla coop, al Grand’Emilia e parcheggi senza pagare. E poi non sai cosa fare ? Ma come, hai tutta la coop a disposizione … è aperta anche di domenica … allora non sei mai contento … e pensare che la coop sei tu !!!


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: