Diritti dei giornalisti e dei cittadini

(riceviamo e volentieri pubblichiamo)
Comunicato stampa

Diritti dei giornalisti e dei cittadini

Mi sembra di sognare. Modena città anestetizzata! Lo apprendo ufficialmente da fonte autorevole, Gerardo Bombonato, Presidente Ordine giornalisti che afferma che a Modena ai giornalisti vengono occultate le notizie di cronaca nera e giudiziaria (dal furto di biciclette alla rapina, dallo scippo alla bomba esplosiva in stile Mesagne, ecc.); altrove non succede. E ricorda: “La libertà di stampa è una delle garanzie che ogni Stato di diritto, assieme agli organi di informazione, deve garantire ai cittadini. In Italia è sancita dall’art. 21 della Costituzione.”

Che l’argomento sicurezza a Modena sia da sempre un dente scoperto è cosa arcinota; ogni volta che si solleva il problema “insicurezza” vi è una reazione sdegnata dei nostri amministratori che raccontano ai concittadini la favola che qui tutto va bene e che l’opposizione urla solo per ragioni elettorali.

Oggi impariamo da fonte altamente credibile che il problema sicurezza è peggio di quanto pensassimo, un vero e proprio tabù, tanto che si tiene  “scientemente all’oscuro l’opinione pubblica di ciò che accade in città e provincia”.

Aggiunge  Bombonato. “verrebbe da pensare, ma ci rifiutiamo di farlo per rispetto verso i cittadini e verso noi  stessi, che per qualcuno sia più comodo eliminare le notizie che risolvere i problemi della gente.”

Noi, invece, non ci rifiutiamo di pensarlo, ma suggeriamo a Bombonato di chiedere chiarimenti non solo alle autorità responsabili dell’ordine pubblico (Prefetto, Tribunale e Procura, Questore, Comandante dei carabinieri), ma anche a quelle politiche a cominciare da Sindaco  e Presidente della Provincia. Perché da tempo sappiamo di vivere in una Città addormentata da dosi massicce di anestesia del “politicamente corretto”, addomesticata al punto che neppure davanti a denunce di una gravità come questa di Bombonato darà segni di coscienza. D’altronde non si può pretendere reazioni improvvise dai modenesi, lesi in settant’anni di dominio della sinistra in tutti i loto diritti a cominciare da quelli di cittadinanza per finire a quelli dell’informazione. Per ripristinare i diritti urge cambiare!

Gian Carlo Pellacani, consigliere comunale del PdL

 

 

Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: