Castelnuovo, inaugurato l’eco-condominio in legno

Riceviamo e ripubblichiamo. Non è ancora quello che riteniamo sia il meglio ma è decisamente sulla buona strada. Non solo una buona efficienza energetica e un ambiente sano ma anche la consapevolezza che la progettazione degli spazi comuni agisce direttamente sulle relazioni tra i residenti e quindi sulla qualità della vita. Dal punto di vista estetico ancora non ci siamo ma è importante fare balzi in avanti. 

Castelnuovo, inaugurato l’eco-condominio in legno

Una nuova costruzione Erp, progettata da Acer per il Comune e premiata a livello nazionale per le caratteristiche innovative

Taglio del nastro questa mattina per il nuovo condominio “Le Viole” realizzato da Acer in via 25 Aprile a Castelnuovo Rangone: un intervento di edilizia sociale che, per caratteristiche tecniche, non ha precedenti nel nostro territorio, una sperimentazione assoluta progettata da Acer Modena per il Comune di Castelnuovo Rangone.
Su un immobile di proprietà comunale, dove sorgeva la vecchia caserma dei carabinieri, è stato infatti realizzato il primo condominio di edilizia residenziale pubblica della nostra provincia con una struttura portante interamente in legno: l’edificio, composto da 7 appartamenti, è caratterizzato da un basso impatto ambientale (è in classe energetica A) e da una significativa riduzione di emissione di CO2.
All’inaugurazione, col sindaco di Castelnuovo Rangone Carlo Bruzzi, accompagnato dagli assessori Govoni, Meschiari e Baldazzini, e il presidente di Acer Modena Andrea Casagrande, insieme al direttore Nadia Paltrinieri e ai tecnici dell’azienda, erano presenti tanti cittadini e i prossimi inquilini dello stabile che, dopo la benedizione del parroco Don Isacco, hanno potuto visitare la nuova dimora.
L’aspetto esterno dell’edificio non è dissimile a quello di un fabbricato tradizionale: ma questo sistema costruttivo, già utilizzato in diverse regioni del nord Italia, garantisce un’alta velocità di esecuzione e notevoli prestazioni energetiche e ambientali. A trarre beneficio da questa soluzione abitativa non è solo l’ambiente ma anche l’utenza anziana della residenza, che potrà contare su un notevole miglioramento della qualità dell’aria e del benessere igro-termico dell’edificio; rispetto e valorizzazione dell’ambiente sono poi garantiti anche dall’elevato tasso di isolamento termico e dagli elevati livelli di risparmio energetico, che per i residenti si tradurrà in una “bolletta” molto meno cara.
Infatti il complesso edilizio è stato realizzato e certificato in conformità alla recente Legge Regionale per il risparmio energetico e al suo interno è inserita una centrale termica con impianto di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria con caldaia a condensazione e contabilizzazione di calore in centrale. All’interno degli alloggi sono stati collocati i termostati ambiente e sui radiatori le valvole termostatiche, per consentire la personalizzazione nell’utilizzo del riscaldamento degli ambienti.
Inoltre l’edificio, in parte coperto tradizionalmente a due falde, ha nel lato sud pannelli solari per la produzione di acqua calda e pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica.
Oltre ai 7 appartamenti, il fabbricato disporrà di uno spazio comune al piano terra a servizio degli anziani, con funzioni di ritrovo attrezzata con sedie, tavoli, tv e angolo bar, dotata di servizi igienici e con un locale retrostante da adibire ad eventuale servizio di ambulatorio. Inoltre, all’esterno di questa sala polifunzionale, disporrà di un’area verde, progettata per favorire le relazioni sociali dei residenti.
Il costo complessivo dell’intervento è di 1.250.000 euro. Il condominio, progettato da Acer per il Comune di Castelnuovo Rangone, è stato realizzato anche grazie al contributo di circa 300.000 euro della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che ha sostenuto l’acquisto degli arredi delle cucine e la sala comune per le attività dei residenti.
“Con questo intervento – spiega il presidente di Acer Modena Andrea Casagrande – mettiamo a disposizione della collettività le migliori tecnologie costruttive a disposizione. Da tempo Acer promuove l’edilizia sostenibile come punto qualificante della propria attività: l’intervento di Castelnuovo è solo un esempio tra i tanti a Modena e provincia e ringraziamo il Comune per l’impegno che ha messo in quest’opera”. Soddisfatto anche il Sindaco Carlo Bruzzi: “Siamo orgogliosi di poter presentare un intervento che, per le sue caratteristiche tecniche, è una sperimentazione assoluta per il nostro territorio. Siamo convinti che le buone pratiche costruttive meritino il più ampio risalto possibile e siamo contenti di poter dare l’esempio attraverso un’opera che risponde contemporaneamente ad un’esigenza di carattere ambientale e ad un’altra, altrettanto importante, di carattere sociale”.
E la progettazione di qualità ha già ricevuto un prestigioso riconoscimento. Nell’ambito della celebrazione del 105.mo anniversario della fondazione di ATC Torino sono stati presentati i risultati della quarta edizione del Palmarès Federcasa 2012 e sono stati assegnati i Marchi di Qualità previsti dal concorso.
La fase finale della quarta edizione del concorso “Palmarès Federcasa 2012” ha proposto le migliori iniziative sui settori delle varie attività che vedono quotidianamente impegnati gli enti dell’abitazione sociale: sostenibilità ambientale, integrazione sociale, legalità, sicurezza e, infine, sull’emergente tema dell’informazione e della comunicazione.
L’esame dei progetti e delle iniziative è stata curata da una Commissione di esperti che ha assegnato il Marchio di Qualità Palmarès Federcasa 2012 anche ad ACER Modena per l’edificio di Castelnuovo Rangone.


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: