Italia2013, il voto visto dalla rete “Raccontiamo le prime elezioni social”

La rete consente ad ognuno non solo di essere informato in modo nuovo sulla campagna elettorale dei partiti alle elezioni politiche, ma anche di partecipare divulgando nei social media i propri commenti e le proprie valutazioni.
Italia2013 è un nuovo aggregatore di notizie che migliora la partecipazione e l’informazione consapevole. L’articolo che abbiamo selezionato dalla stampa descrive le caratteristiche principali della piattaforma online.

Gabriele Morelli
modenacome@gmail.com

 

Una piattaforma innovativa e di confronto tra candidati ed “e-lettori”, i lettori-elettori
«Condividi. Partecipa. Vota». È lo slogan di Italia2013, la nuova piattaforma indipendente che ha l’ambizione di raccontare un mese di campagna elettorale attraverso i social network. «Queste saranno le prime elezioni social della storia italiana», scrive Marco Pratellesi nell’editoriale rivolgendosi agli «e-lettori», i lettori-elettori. E spiega: «C’è un immenso flusso di informazioni, commenti, immagini nel quale non sempre è facile orientarsi. Noi vogliamo provare a ricostruire un senso a partire dalla “conversazione” in rete».

Il come è presto detto. Servendosi di un software che aggrega i contenuti del web, la redazione di Italia2013, coordinata da Pratellesi e dal collega Riccardo Luna, filtra il flusso di notizie e coinvolge gli utenti a contribuire alla piattaforma. Tutti – con post, tweet e immagini – possono partecipare alla costruzione del racconto collettivo. «Le nostre agenzie sono i social network: è un po’ come se facessimo i cronisti nella rete anziché in piazza», racconta il giornalista Alvise Losi.

L’hanno chiamato citizen journalism. Ma Italia2013 è qualcosa di più e di diverso. «Quello che facciamo si chiama content curation», scrive ancora Pratellesi. Una sorta di “cura dei contenuti”. «Cerchiamo di ricostruire storie a partire da tante fonti non collegate tra loro per offrire al lettore la possibilità di capire cosa è rilevante, facendogli risparmiare tempo prezioso». Una comprensione resa più immediata dall’uso di immagini e infografiche. Attraverso cui vedere, per esempio, quanto sono presenti i politici in rete o quali sono i temi più discussi del momento.

Che l’informazione passi dal web lo conferma anche il recente Osservatorio DemosCoop. Internet è una fonte quotidiana di notizie per il 40 per cento degli italiani. E tanti, circa la metà degli internauti, utilizzano la rete per discutere di politica. Discussioni che non restano solo online. Anche offline diventano spunti di confronto con amici, famiglia e colleghi. Certo, resta un’incognita: che peso avrà questo «racconto collettivo» nei processi decisionali? Anche per questo Italia2013 si presta ad essere, per dirla con Riccardo Luna, «un esperimento scientifico». Di giornalismo, ma non solo.

viaLa Stampa – Ecco Italia2013, il voto visto dalla rete “Raccontiamo le prime elezioni social”.

Informazione pubblicitaria
Corso Web Marketing Turistico

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: