Social network per convincere gli indecisi anche se è “silenzio elettorale”

Non so quanto queste elezioni siano importanti oppure si rivelino alla fine inutili. Ripensando alle dichiarazioni dei politici tradizionali, quelli che sono in parlamento da 30 anni, quelli che “mai e poi mai” avrebbero fatto politica, quelli che hanno creato la valanga di problemi che attualmente ci pesano addosso ed ora pretendono ancora di essere loro a darci al soluzione … sembrerebbe che questa tornata elettorale sia del tutto inutile. L’atto di inciucio contro natura tra Bersani e Monti sembra ormai sul punto di essere consumato. 
Non è detta però l’ultima parola, queste elezioni per la prima volta vedono protagonisti direttamente i cittadini.  
Vediamo come andrà a finire.
L’articolo tratto dal Sole 24 ore ci fornisce alcuni elementi sul ruolo dei social media e della rete. 

Gabriele Morelli
turismocome@gmail.com
Pagina Facebook

Per la prima volta nella storia della Repubblica le elezioni politiche si celebrano in inverno, precedute da una campagna elettorale, partita il 25 gennaio, che anche a causa della stagione si è svolta poco nelle piazze e molto sui social network. Facebook e Twitter hanno caratterizzato infatti la corsa al voto 2013 e gli annunci dei leader, compreso quello della “salita” in politica di Mario Monti, sono giunti con un “cinguettio” di “Twitter”. Dalla mezzanotte di ieri è “silenzio elettorale”, e la corsa agli indecisi si affida al tam tam dei simpatizzanti, al passaparola, ai messaggi con gli account personali di Twitter e ai post sui profili social, anche se non mancano ritorni al passato in negativo, come dimostrano i vari episodi di vandalismo contro sedi del Pd (a Firenze e a Milano) che hanno caratterizzato la giornata.

Dopo S. Giovanni, M5s spopola anche sul web

Sul web continua anche l’onda lunga del successo di pubblico di M5s: dopo il tutto esaurito registrato ieri sera a Roma dal comizio finale di Beppe Grillo a piazza S. Giovanni, questa mattina il sito che ospita il blog del comico, vero e proprio strumento di mobilitazione del movimento, è andato in tilt per troppi accessi. Con il passare delle ore il sito è tornato accessibile, e si presenta con una grafica semplice che riprende le “Parole guerriere” pronunciate ieri dal Grillo nel suo ultimo comizio prima del voto, in attesa di registrare quello che i grillini (e le centinaia di commenti postati lo dimostrano) sentono come un successo annunciato.

Grillo in testa per “Google trends” La conferma arriva dalla pagina Facebook (1,1 milioni di “mi piace”) e da Google trends, che oggi indica in Grillo e nel suo blog in assoluto il termine più cercato su internet, in crescita costante da settimane, superando di gran lunga tuttui gli altri candidati premier e tutte le altre formazioni politiche. In qualche modo, almeno sul web, il M5stelle le elezioni sembra averle già vinte.

viaSocial network per convincere gli indecisi anche se è “silenzio elettorale” – Il Sole 24 ORE.

logo

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: