Il centro della città: sviluppare progetti e iniziative di marketing per un Centro Commerciale Naturale

centro commerciale naturale modena comeNel progettare alcuni elementi base per iniziare a muoversi concretamente nella direzione del Centro Commerciale Naturale occorre definire subito alcuni criteri guida.
Nella nostra impostazione non si tratta in nessun modo di creare nuove associazioni di commercianti e imprenditori, peggio ancora nuovi consorzi o altre forme di associazionismo. Riteniamo che forme organizzative di questo tipo ce ne siano già troppe e non ci sembra di cogliere delle esperienze particolarmente significative sul piano del risultati.

La nostra idea di Centro Commerciale Naturale è molto semplice: i negozi rimangono gli stessi, non ci sono stravolgimenti di ruoli, non viene eliminata ma valorizzata la sana concorrenza commerciale – elemento fondamentale per tenere vivo il commercio –  non vengono costruite gallerie commerciali.
[qr-code]

Il primo passo importante è proprio il riconoscimento e la consapevolezza che il Centro Commerciale Naturale esiste da sempre.
La novità  sta nel come i commercianti e gli imprenditori di una strada, di una zona urbana, di un quartiere, dell’intera città si organizzano per creare una nuova atmosfera che renda attrattiva la città.
Noi riteniamo che in questa ottica molto debbano fare i commercianti e poco si debba intromettere il Comune e l’ente pubblico in genere.

Si tratta di una nuova mentalità che i commercianti devono assumere per considerare l’insieme dei loro negozi come delle  vere e proprie gallerie commerciali a cielo aperto. Importanti vie commerciali, centri storici e reti di negozi di vicinato in cui i commercianti si uniscono per valorizzare le loro attività, offrire servizi migliori e contenere i costi di promozione e marketing, mettendo  in primo piano la qualità del rapporto con il cliente.
E’ in questo modo che sarà possibile comportarsi nei fatti come Centro Commerciale Naturale, adottando anche strategie di vendita sperimentate con successo all’interno dei centri commerciali ipermercati. Ci riferiamo alle campagne marketing, alla fidelizzazione del cliente tramite coupon, fidelity card per la raccolta punti, promozioni. Occorre anche saper collocare il proprio negozio tra l’essere vivo e presente offline e l’essere attivo online per rapportarsi meglio alle esigenze di un cliente più evoluto ed informato.
In questo processo il ruolo che si chiede al Comune è quello di essere meno invasivo di come abbia sempre fatto. Spesso manifestazioni organizzate dagli assessorati pubblici  finiscono per non essere di nessuna utilità allo sviluppo del commercio nei centri storici.

Al Comune spetta di operare per la qualificazione urbana e ambientale della città, in sinergia però con i soggetti attivi, commercianti, imprenditori, professionisti, cittadini che nella città vivono e lavorano. E’ un ruolo difficile che deve essere esercitato senza l’arroganza delle decisioni non solo non condivise ma osteggiate, è un ruolo che deve procedere con intelligenza per far marciare insieme opportunità innovative per le piccole e medie imprese di accedere a quote di mercato in ambito metropolitano.
Contestualmente occorre lasciare spazio e non essere di ostacolo all’iniziativa dei singoli.

E’ di fatto l’unico percorso per adottare una visione complessiva strategica che consenta al negozio che fino ad oggi ha subito l’invadenza degli ipermercati di ricollocarsi sul mercato in modo competitivo.

Gabriele Morelli
modenacome@gmail.com
Pagina Facebook

 


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: