Fare ripartire le economie locali tramite il mobile e location based marketing

video vetrine modena come

Nei post precedenti abbiamo visto come sia di fondamentale importanza gestire in modo organico e coordinato i Centri commerciali naturali CCN per sconfinare il pericolo di desertificazione dei centri storici delle città moderne.

Mary Portas, un’affermata consulente inglese di retail marketing, ha recentemente affermato che i nostri centri storici sono come dei vecchi amici con cui abbiamo molto in comune ma che se prima non vedevamo l’ora di incontrare adesso è diventato solo routine. Così cerchiamo di mantenere l’amicizia in onore dei vecchi tempi anche se in fondo vogliamo che questo amico sia un po’ più in sintonia con quello che siamo diventati oggi, con i nostri cambiamenti.

Per questo motivo bisogna chiedersi: chi sono i consumatori moderni e come aumentare il flusso dei visitatori di un’area territoriale? Non ci vuole molta immaginazione per capire che oggi i consumatori non sono più gli acquirenti tradizionali.

Sono guidati dalla convenienza e dall’utilità e per questo motivo sono sempre più attratti da Internet, e quindi dall’e-commerce. Secondo Portas, mentre alcuni negozi di High Street fanno a botte per la sopravvivenza, l’uso dell’e-commerce è cresciuto del 500% negli ultimi due anni.Al contrario però di come si possa pensare, le innovazioni tecnologiche del mobile e dell’e-commerce hanno il potenziale di aumentare le economie locali piuttosto che accelerare la loro scomparsa.

Vediamo di seguito in che modo.L’obiettivo è valorizzare la città e il territorio. Perciò è necessaria una vera e propria cultura imprenditoriale che promuova iniziative private di valorizzazione del territorio e colga le opportunità di fare rete tra soggetti diversi. Soltanto cambiando i presupposti delle azioni intraprese dall’amministrazione e dai CCN sarà possibile dar vita a tutta una serie di iniziative culturali, turistiche e commerciali.Una di queste potrebbe essere, ad esempio, la progettazione di un percorso di mobile marketing con applicazione non solo commerciale ma anche turistico e culturale.

modena schopping

Si tratta di una tecnica di proximity marketing che opera in un determinato territorio sfruttando tecnologie di comunicazione di tipo visuale e mobile per promuovere la vendita di prodotti e servizi.Questa tecnica di marketing non agisce su un target di utenti ben definito, ma sulle persone che si trovano in una determinata area e sono vicine a un dispositivo atto ad instaurare una comunicazione. Un cartellone pubblicitario invita il passante ad attivare il bluetooth sul proprio cellulare, ed una volta attivato e accettata la connessione esso riceve gratuitamente sul proprio cellulare un messaggio che può contenere file multimediali, informazioni, promozioni, inviti, premi, ecc.

Utilizzando un permission marketing, ovvero una modalità di comunicazione che vede l’esplicita approvazione da parte dell’utente alla ricezione del contenuto pubblicitario inviato, questa tecnologia permette la permanenza del messaggio pubblicitario e la trasmissione di contenuti multimediali sui telefoni cellulari fino a 30 metri dalla postazione del dispositivo bluetooth.

È gratuito per chi riceve e permette il monitoraggio dell’andamento della campagna mediante un’apposita interfaccia di sistema.

Applicata in un Centro commerciale naturale, questa tecnologia può fornire al passante informazioni sulla mappa del CCN, le strade, le attrazioni turistiche nonché sull’itinerario consigliato.

Tale tecnologia consentirebbe la creazione di una guida interattiva sulle vie appartenenti al CCN indicandone i negozi e le offerte promozionali. Verrebbe applicata anche per la vendita di spazi pubblicitari o la diffusione di applicazioni culturali e di eventi, permettendo allo stesso tempo di controllare statisticamente il numero di volte che sono state scaricate, e quindi il numero degli utenti.

Il location-based marketing è sicuramente la strada da percorrere quando si tratta di utilizzo mobile. Sempre più spesso, i dettaglianti indipendenti e piccoli dovranno costruire la fedeltà da parte di persone locali, al fine di mantenere i clienti. Hanno bisogno di attingere a una cultura di consumatori che utilizzano i loro cellulari su siti di confronto dei prezzi e di “check-in” per i negozi locali.

Un’applicazione del genere riuscirebbe ad incrementare la percezione del valore territoriale di un luogo, potendo ciascun visitatore accedere personalmente e autonomamente a servizi commerciali e turistici in modo gratuito.

L’aumento di e-commerce e la scomparsa del flusso di consumatori nelle strade delle nostre città quindi non sono necessariamente collegati.  È tutta una questione di sapere chi sono i vostri clienti oggi e la messa in atto di strategie costo-opportunità mobili per raggiungerli e fidelizzarli.

viaHabemus Marketing: Riavviare le economie locali e i centri commerciali naturali attraverso il mobile e location based marketing

Gabriele Morelli

modenacome@gmail.com
Pagina Facebook

 


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: