News 

Mirandola, ricostruire come ?

mirandola modena comeAltra tappa della nostra inchiesta sulla realtà delle attività commerciali dopo il terremoto. Abbiamo incontrato Mauro Bega direttore Confesercenti Area Nord e presidente del Consorzio di riqualificazione del centro storico di Mirandola.
Abbiamo così conosciuto una realtà diversa, quella costituita dai tanti commercianti che sono ritornati o non si sono mai mossi dal centro storico, una realtà che ha scelto un percorso differente rispetto a chi ha attivato dei centri commerciali fuori dal centro.
E’ interessante rendersi conto che le problematiche sono tante, variegate e differenziate a seconda delle scelte che sono state fatte nei mesi immediatamente successivi al terremoto.
Ora la realtà commerciale di Mirandola appare frammentata e non c’è dubbio che dovrà in futuro essere ricomposta in un equilibrio che consenta a tutti di crescere, di creare una Mirandola ancora più bella di prima, attrattiva sul piano dei negozi e dei servizi.
C’è un rischio insito nella situazione attuale, quello di consolidare troppo delle iniziative che sono state adottate dai commercianti come risposta immediata alla esigenza di ripartire il prima possibile con l’attività.
Occorre, ad emergenza finita, saper sviluppare un progetto generale con il coraggio di saper introdurre degli elementi di novità.

Il terremoto ha già fatto la sua parte cambiando la fisionomia dei paesi colpiti. Il terremoto continuerà a modificare i centri storici quando alcuni palazzi e costruzioni dovranno essere abbattuti per procedere alla loro ricostruzione …. come ? tutto sarà ricostruito oppure rimarranno degli spazi vuoti che daranno a Mirandola una immagine nuova ?
mirandola modena
E’ un interrogativo su cui si potrà giocare la costruzione del futuro non solo di Mirandola ma di tutta la bassa.
Il coraggio dell’innovazione, la capacità di inventare soluzioni nuove è una delle tante sfide imposte dal terremoto.
C’è la consapevolezza che la ricostruzione non potrà avere solo l’obbiettivo di riportare tutto come era prima, quasi in un tentativo di azzerare il tempo.
Dovrà necessariamente essere colta l’opportunità, in un qualche modo fornita dal terremoto stesso per quanta sofferenza abbia portato,  di elaborazione di nuovi progetti.

Gabriele Morelli
modenacome@gmail.com
Pagina Facebook

mirandola modena come


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: