News 

Aumento dell’IVA. Colpirà famiglie, consumi ed imprese e rischia di rivelarsi un boomerang. Assolutamente contrari

aumento iva modena come(riceviamo e volentieri pubblichiamo)
Comunicato Confesercenti Modena

“Non possiamo che dirci assolutamente contrari, di fronte a quella che è a tutti gli effetti un ulteriore appesantimento del carico fiscale su famiglie ed imprese. Rimaniamo fermi nella convinzione – tiene a rimarcare Confesercenti Modena – che l’incremento di un punto percentuale dell’IVA va scongiurato con ogni mezzo. E le risorse necessarie al fine di evitare di mettere in atto questo provvedimento, devono essere recuperate attuando finalmente una seria razionalizzazione della spesa pubblica: sempre annunciata ma ben lungi dal concretizzarsi”.

Confesercenti non ha dubbi nel definire l’aumento dell’Iva – dal 21% al 22% – del prossimo ottobre, un triplo errore. “In primo luogo – evidenzia l’Associazione – peggiora la competitività del nostro Paese in Europa, soprattutto rispetto alle grandi nazioni come Francia, Germania e Spagna già ad oggi con un’aliquota IVA media inferiore alla nostra. Poi, non v’è alcuna certezza di aumenti del gettito, con l’adozione di tale provvedimento. È molto probabile che i cittadini già alle prese con una costante riduzione del reddito disponibile, reagiscano tirando ulteriormente la cinghia, affossando ancor di più i consumi. Con la possibilità tutt’altro che remota (studio di Confesercenti Italia), non di un incremento ma di una riduzione del gettito di ben 300 milioni di euro”.

“Un’ulteriore contrazione dei consumi, moltiplicherà i rischi di chiusura di imprese e conseguentemente di aumento della disoccupazione. A tal proposito vogliamo ricordare la situazione vissuta tra le imprese modenesi dei settori commercio, servizi e pubblici esercizi. Al 30 giugno di quest’anno i ricavi in questi ambiti, hanno registrato un calo del -4%, sul 2012, mentre la stagione dei saldi estivi è stata archiviata con una diminuzione degli affari anche del -30%. Siamo convinti che la via per far rimanere il rapporto deficit Pil entro il 3% non passa per un nuovo aumento dell’IVA, quanto piuttosto per una vera riduzione della spesa pubblica tesa a colpire gli sprechi, ma anche aumentandone l’efficienza”, conclude Confesercenti Modena.


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: