Smart City 

Modena: disordine visivo urbano e confusione

bonvi park modena come

La foto che vedete sopra ritrae l’ingresso al Bonvi Park dalla parte di via Sassi.
Capita raramente di poter ammirare  un concentrato disordinato di elementi che disturbano la vista. E’ vero che ormai siamo abituati a cartelli segnaletici, insegne, bacheche, cassonetti e quant’altro, anche in centro storico, che impediscono la visuale di edifici storici e monumenti, ma sinceramente un concentrato oltretutto inutile come quello che possiamo vedere entrando al Bonvi Park è difficile trovarlo.
La qualità della vita che è possibile respirare in una città passa anche dalla pulizia visiva che si avverte camminando per strada e guardandosi intorno. Tra bacheche, segnali, pali storti l’occhio si può sbizzarrire e perdersi nel disordine visivo prima di entrare nel parco.
Una città bella da vedere, pulita, ordinata anche sul piano visivo agisce sulla nostra percezione e sul nostro stato d’animo, contribuisce alla nostra serenità.
Al contrario il disordine visivo crea una percezione di confusione, è angosciante e ansiogeno.
Non dovrebbe essere particolarmente difficile curare alcuni piccoli dettagli da parte di questi amministratori. Altrimenti dovremmo pensare che dalla confusione visiva si è già passati alla confusione mentale.

Se qualcuno ha fotografato delle situazioni simili a questa le può inviare a modenacome@gmail.com

Gabriele Morelli
modenacome@gmail.com
Pagina Facebook

 


 


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: