Parco Rimembranza 

Modena, il parco delle mura diventerà sovietico

chioshi

L’iniziativa privata, la creatività e la fantasia individuale a Modena sembrano essere vietate.
O si accettano le rigide regole imposte dalla giunta comunale che impongono ai gestori dei chioschi dislocati lungo il Parco delle mura di iniziare i lavori di riqualificazione entro il 31 dicembre oppure si perde la concessione del suolo pubblico.
Un vero ultimatum che in questo periodo di crisi economica e di scarsi affari ha l’effetto di una randellata sui gestori. Prendere o lasciare.
Inoltre a rendere l’iniziativa ulteriormente pesante c’è anche l’obbligo ad adottare il modello prototipo, già attivato davanti al Tempio, che sicuramente non brilla per la progettazione stilistica.
Come si può vedere dalla foto si tratta di una struttura pesante nelle forme, decisamente brutta sul piano estetico, di sicuro impatto ingombrante all’interno del parco.
Immaginate sette o otto strutture di questo tipo, tutte uguali, dislocate lungo il parco cittadino e immaginate, questo è più difficile, che qualcuno possa decidere di fare una passeggiata lungo Parco delle mura e vedere sette strutture tutte uguali, tutte brutte e malamente progettate nello stesso identico modo.
Un effetto depressivo devastante sia sul piano commerciale che sul piano dello stato d’animo. Dal 2014 la passeggiata lungo il Parco delle mura avrà inevitabilmente per la gioia dei modenesi un particolare effetto sovietico di omologazione.

prarmapoliniLa dichiarazione dell’assessore Prampolini al riguardo, in perfetto stile omologato recita:
“La finalità dell’Amministrazione – sottolinea Stefano Prampolini, assessore comunale allo Sviluppo economico e al Centro storico – è quella di rilanciare il ruolo pubblico del parco, con un progetto di riqualificazione e valorizzazione unificante, in accordo con la Soprintendenza e gli operatori, che ponga ordine all’assetto complessivo dell’area, dia nuovo slancio alle attività economiche che saranno aperte tutto l’anno, e avvii un processo di integrazione e ricucitura del parco con il centro storico.”

Le parole dell’assessore, considerato il vuoto di contenuti, saranno presto dimenticate, rimarranno invece e purtroppo sette orribili chioschi in perfetto stile sovietico.

 

 


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: