You are here
Totale e completa smentita delle dichiarazioni di Pighi sull’edificazione dei chioschi. Parco Rimembranza 

Totale e completa smentita delle dichiarazioni di Pighi sull’edificazione dei chioschi.

parco rimembranze

Riceviamo dall’ing. Gaetano Galli una completa e documentata smentita delle dichiarazioni rilasciate dal sindaco Pighi. Pubblichiamo il testo integrale diffuso alla stampa. 

Con la presente , debbo smentire pubblicamente quanto affermato dal Sindaco di Modena Giorgio Pighi, in merito alle Sue affermazioni, rilasciate alla stampa e comparse in cronaca, sabato 29 Marzo 2014  in merito ai “ CHIOSCHI “ nel  PARCO DELLA RIMEMBRANZA , laddove il primo cittadino dichiara relativamente al Parco della Rimembranza : “ La zona è edificabile di tipo E3 e consente appunto la realizzazione di chioschi”.Quanto affermato non è purtroppo vero !

In realtà, ahimè per il nostro Sindaco, la Zona è sì classificata dal Piano regolatore vigente alla data di approvazione del progetto con destinazione urbanistica Servizi A3  dal  POC (né poteva essere  altrimenti, in quanto le altre possibili destinazioni urbanistiche previste dal PSC , sono Residenza,  Artigianato, Residenza Commercio, Residenza Commercio Professionale e  Polifunzionale), ma

con disciplina di utilizzazione del suolo delimitata da una linea verde continua e la sopradicitura in neretto ALB , che significa per il RUE : VILLE, GIARDINI  E  PARCHI  DI  NOTEVOLE INTERESSE. A  peggiorare le cose per il Sindaco Pighi,  la sovrapposizione a questa linea verde ALB , di una linea puntinata BLU , con la dicitura in neretto S, che individua gli immobili tutelati dalla legge 22-01-2004, n.42.

Per i parchi e giardini di notevole interesse, è vigente la norma 13.21 del PSC-RUE., che dice: ‘E VIETATO   l’inserimento  di edifici in elevazione , consentendo solo l’inserimento di arredi e manufatti si servizio, ove per manufatti di servizio, si intendono i gazebo ed i piccoli depositi per attrezzi non in muratura.

Ora occorre che il Sindaco PIGHI, sia capace di dimostrare ai cittadini modenesi  che il “ chiosco “ LIDO PARK, con struttura in elevazione e fondazioni in cemento armato,  di area  pari a circa  220 mq. coperti , con una superficie pavimentata esterna di altri  450 mq. circa, con ristorante, pizzeria , tavola calda , gelateria per complessivi 350 posti a sedere , e’ un gazebo o un piccolo deposito di attrezzi non in muratura.

 Parimenti, ci dovrà dimostrare sorretto e confortato dalla Soprintendente ai BB.AA e per il Paesaggio dell’Emilia, Dott. Paola Grifoni,  che ( art. 20 del D.Lgs.vo n. 42/2004) , le opere già eseguite e quelle previste, ( RETI PER FOGNATURE, METANO , ACQUEDOTTO , IMPIANTI ELETTRICI, SCAVI DI FONDAZIONE , ZATTERE PER  FONDAZIONI IN CEMENTO ARMATO , PAVIMENTAZIONE DELLE AIUOLE , CON SBANCAMENTI E TRASPORTO ALLE DISCARICHE DI INGENTI QUANTITA’ DI TERRENO VEGETALE CONTENENTI INTERI APPARATI RADICALI DI ALBERI ESISTENTI, ESPIANTO DI ALBERI, CESPUGLI ED ARBUSTI, TAGLIO E STRAPPO DI APPARATI RADICALI CON ELEMENTI DI RADICI PRIMARIE IMPORTANTI,  non deteriorano, danneggiano e distruggono il bene culturale Parco della Rimembranza,  ma sopratutto, che i N° 1800 posti a sedere previsti in  tutta la catena di ristorazione insediata nel Parco storico, con cucine, canne fumarie che diffondono vapori , grassi e sostanze volatili dalla cottura di carni, salsiccie, pizze, cipolla ,peperoni ed altro, compresi i diffusori di musica stereo in tutte le aree  attorno ai “chioschi” sono compatibili con il carattere storico del ed artistico del Parco;

Inoltre, togliendo una superficie a verde pari a circa il 25%  delle aiuole allo stesso, con nuovo edificato e pavimentazione sulle aiuole dell’impianto originario storico del Parco,  non si reca  pregiudizio alla sua Conservazione.

Ricordiamo infatti al nostro Sindaco Giorgio Pighi, che l’art. 20 gia’ citato enuncia:

Art. 20 . Interventi vietati ( D.Lgsvo n. 42./2004)

1. I beni culturali non possono essere distrutti, deteriorati , danneggiati o adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico o artistico , oppure tali da recare pregiudizio alla loro conservazione.

A LEI Sig. SINDACO IL COMPITO DI CONVINCERE I CITTADINI MODENESI  SU QUANTO ILLUSTRATO SOPRA!

Modena, li 31/03/2014                                                                           Gaetano Galli


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: