You are here
Chioschi, altre ombre sull’operato della Giunta Pighi Parco Rimembranza 

Chioschi, altre ombre sull’operato della Giunta Pighi

012
Era stato già evidenziato ed attentamente documentato, in sede di conferenza stampa ( del 29.5.2014) , come le Segnalazioni Certificate di inizio Attività ( SCIA) , presentate al Comune di Modena , da parte dei chioscai , al fine di ottenere un nuovo Permesso di Costruire in Variante a quello illegittimo (così come dichiarato dal GIP a pag. 3, rigo 37 del DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO del 27 marzo 2014 : ………..”i permessi edificatori rilasciati devono ritenersi illegittimi” e dal Tribunale del Riesame nell’ORDINANZA del 2 maggio 2014,a pag. 4 rigo 11 : “I permessi a costruire rilasciati dal Comune di Modena appaiono infatti illegittimi…..”), non avessero alcuna possibiltà di  modificare le motivazioni dei magistrati, che hanno determinato il sequestro preventivo in base all’art. 321 del c.p.p. ,dei cantieri Bar ELIO, BOBOTTI, EX TOSCO e del CEDRO.

La consulenza di un CTU nominato dalla Procura, esperto in Urbanistica , era certamente destinata a confermare quanto esposto , peraltro dettagliatamente ,valutato e contenuto nelle pagine del Decreto del GIP e successiva Ordinanza con rigetto del ricorso emessa dal TRIBUNALE DEL RIESAME.

Ora, emerge addirittura dalla nuova documentazione richiesta con accesso agli atti richiesti al Comune e non pervenuta, perchè NON ESISTENTE ( richiesta Consigliere Comunale LUIGIA SANTORO ) che  NON  E’  STATO MAI STIPULATO ALCUN ATTO DI  CONCESSIONE IN USO DI AREA da parte del Comune di Modena, ai titolari e/o Ditte intestatarie dell’attività commerciale inerente i 4 chioschi EX TOSCO, BAR ELIO, BOBOTTI  e DEL CEDRO, mai controfirmato dai ” concessionari”, e quindi mai individuata in detto atto non esistente, la planimetria dell’area concessa, con le esatte dimensioni e l’ubicazione nonchè posizionamento nel PARCO(!),nemmeno l’estensione esatta della superficie in mq.!!! (per cui , quando i chioscai, si lamentavano dei fotografi e delle osservazioni e rilievi della  stampa e delle riprese video di modena come , perchè quella a sentir loro era un cantiere privato in uso trentennale, ciò non era per nulla VERO!..), prima della presentazione delle  richieste atte ad ottenere il Permesso di Costruire! 

Quindi sono state presentate da Ditte o / o privati cittadini, domande atte ad ottenere i PERMESSI DI COSTRUIRE,( poi peraltro rilasciati illegittimamente, come ha osservato il GIP ed il TRIBUNALE DEL RIESAME), da soggetti , che non ne avevano ancora a  quella data , per nulla la titolarità e la legittimazione e non potevano assolutamente presentarle. Altro gravissimo atto , che riteniamo completamente illegittimo da parte del  Comune , che getta una nuova pesante ombra sull’operato della Amministrazione PIGHI , ne aggrava la posizione sul piano giudiziario  ed ai cittadini fa comprendere di più, qualora ancora ve ne fosse bisogno, il totale disprezzo di norme e regole vigenti in materia di urbanistica, territorio e trasformazioni edilizie, quando ad agire era la stessa Amministrazione e non più il singolo cittadino.

Due pesi e due misure, vergognosamente.                     
Ing. Gaetano Galli

Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: