Parco Rimembranza 

CHIOSCHI, LA GIUNTA MUZZARELLI CI RIPROVA

PRESENTAZIONE PROGETTO PARCO RIMEMBRANZE_page36_image8

Riceviamo e pubblichiamo

L’Assessore Vandelli insiste nel sostenere che l’ ”affaire Chioschi” abbia soltanto fornito l’occasione per modificare l’art 13.21 comma 2 (VILLE, GIARDINI E PARCHI DI NOTEVOLE INTERESSE) del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE, modifica alla quale noi del Movimento 5 Stelle ci siamo già opposti perché riteniamo vergognoso modificare un regolamento solo per poter procedere con un progetto in stridente violazione dei limiti di legge.

Il Movimento 5 Stelle vuole un Parco della Rimembranza vivibile e apprezzato in tutta la sua bellezza non solo dai Modenesi ma anche dai semplici visitatori. Criteri di convenienza nel “rapporto utile/costo” e di discutibile “buon senso” non possono giustificare il rischio di incorrere in illeciti, ricadendo peraltro negli stessi errori già compiuti nel passato. Il rispetto della legalità è per noi un irrinunciabile ‘minimo sindacale’.

Per il Movimento 5 Stelle il comma 2 dell’articolo 13.21 2 è chiaro già così come é, in quanto impone il mantenimento e la salvaguardia della configurazione originaria dei parchi, la ‘coerenza’ negli arredi e nei manufatti, vietando  di fatto l’inserimento di edifici in elevazione e manufatti di servizio in muratura. Peggio ancora se commerciali. 

Riteniamo che l’aggiunta del comma 2bis – definito ‘chiarificatorio’ al comma 2 –   non chiarisca nulla, anzi. Seguendo il Piano Operativo Comunale (POC), nelle particelle elementari del Parco della Rimembranza, emergono limitazioni a destinazione d’uso tali per cui per le aree comprese tra il prolungamento di via Selmi e la via Contri non è prevista la destinazione C/1(negozi, botteghe, locali per pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande). Con ciò si evince – come lo stesso capogruppo PD Trande ha rilevato visibilmente sorpreso – che anche gli esercizi precedenti in quell’area erano e sono tutt’ora fuori-legge.

Tutt’altro che sorpreso, invece, il Movimento 5 Stelle. Il Parco della Rimembranza è considerato all’interno del Centro Storico, quindi il 2° comma dell’art.13.21 “ville, giardini e parchi di notevole interesse” ricade sotto la TUTELA REGIONALE DI USO DEL TERRITORIO, che detta precise regole di conservazione del sistema insediativo nei centri storici. Non ammette l’aumento delle volumetrie preesistenti e vieta di edificare “le aree e gli spazi rimasti liberi perché destinati a usi urbani e collettivi nonché quelli di pertinenza dei complessi insediativi storici”. Solo una ben precisa previsione di PSC potrebbe, “per motivi di interesse pubblico ed in ambiti puntualmente determinati”, consentire l’attuazione di “specifici interventi in deroga ai principi di salvaguardia”. Ma nonostante tutta la nostra buona volontà, in questa vicenda  non riusciamo ancora ad individuare dove siano gli “interessi pubblici”…

Quanto ai confronti che l’Assessore fa tra le superfici dei vecchi chioschi e quelle dell’attuale progetto, non si cada nel tranello: il confronto va fatto esclusivamente fra la vecchia superficie dei chioschi e quella nuova, 278 mq contro 520 mq, non fra le superfici precedentemente impermeabilizzate, di fatto abusive. Così l’area dei Chioschi aumenta e la si pretende anche ‘legalmente autorizzata’.

Insomma: col famoso comma 2bis a “chiarimento” del già chiarissimo comma 2 non si fa altro che allargare il contesto di “integrazione” fino a ricomprendervi voci che altrimenti richiederebbero una modifica del PSC, dunque un percorso di approvazione più articolato e complesso.

Non dimentichiamo infine che esistono anche altre anomalie come la gestione dei Bagni Pubblici di  competenza dell’amministrazione e non accessori ai locali-bar o le eventuali difficoltà generate dalla presenza di “movida rumorosa”, già segnalate in altre zone di Modena come piazza Pomposa, via Taglio e via Gallucci. Vogliamo inoltre sottolineare la sistematica mancanza di coinvolgimento dei cittadini modenesi, che la Giunta Muzzarelli invece sbandiera ma troppo spesso dimentica di mettere in atto.

Movimento 5 Stelle – Modena


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: