Loading

muzzarelli

Dopo i primi sei mesi di lavoro possiamo affermare che l’attività di questa amministrazione non è per niente differente dalla precedente, almeno nei contenuti. Questo perché il nuovo sindaco sa come parlare e confondere le idee, ma poi con abile gioco di mani continua a fare quello che Pighi ha iniziato.

Difatti tutti i progetti iniziati dalla precedente Amministrazione sono stati ripresi e addirittura potenziati.

Il Movimento 5 Stelle non concorda con la linea presa dal nostro Primo Cittadino che contemporaneamente veste i panni di Sindaco e Presidente della Provincia. In pieno conflitto di interessi ha già sostenuto l’aumento della Tari per un milione di euro in favore di Hera, ha sottoscritto la realizzazione della Bretella Campogalliano-Sassuolo , ha aumentato il numero di scuole per la Fondazione Cresciamo, ha creato un progetto chioschi copia del precedente con la pretesa che la Procura accettasse il suo punto di vista, ha permesso che la USL di Modena acquistasse un terreno per la costruzione della Casa della Salute a Modena Nord per un importo superiore ad 1,3 milioni di euro, ha già iniziato il consumo di suolo con l’approvazione del progetto edilizio in Buon Pastore, ha promesso una riorganizzazione ed un risparmio sugli organici e sui dirigenti della Pubblica Amministrazione ancora tutto da dimostrare, e nel frattempo ha assicurato un posto alle SUE persone, ha aperto e chiuso tavoli di confronto in tutti gli ambiti per poter dire che il confronto ha sostenuto le sue idee, eccetto quando un dirigente si dimette perché in disaccordo e dunque diventa immediatamente un incapace ed egocentrico, fino ad arrivare all’opera più costosa per Modena che a breve il Comune in tandem con la Fondazione Cassa di Risparmio vuole iniziare.

Per fortuna qualcuno all’interno del Consiglio è attento e ha trovato una anomalia e di questo sta chiedendo conto. Il 18 novembre scorso il Movimento ha consegnato una interrogazione con oggetto: Variazione Piano Strutturale Comunale relativamente alle aree soggette a particolare prescrizione per il Centro Storico nei confronti del complesso Sant’Agostino. Infatti nello studio degli atti abbiamo trovato una situazione anomala; in particolare si evidenzia una variazione alla tavola del PSC (Piano Strutturale Comunale) relativa al Centro Storico. Dal 2003 questa tavola non comprendeva il complesso Ospedale S. Agostino, ma dal 2010  le tavole cambiano e apparentemente non esiste alcun passaggio amministrativo che possa giustificare l’accaduto. Per questo motivo il Movimento chiede al Sindaco e all’Assessore competente di riferire al Consiglio Comunale, con quali passaggi e atti amministrativi e tecnici il complesso Sant’Agostino sia stato incluso fra le aree soggette a particolari prescrizioni individuate dal PSC.

Se il progetto del Polo Culturale procederà, ciò dovrà avvenire solo nel massimo rispetto di tutte le regole e ci aspettiamo che questa Amministrazione sappia affrontare la situazione, evitando l’ennesimo ricorso alla Magistratura per risolvere le incompetenze politiche.

Simili azioni di verifica le compiamo frequentemente e come sempre siamo pronti ad accogliere le istanze di quei cittadini o cittadine che hanno evidenze di casi non trasparenti. Il Movimento 5 Stelle di Modena, infatti, così com’è nel suo DNA, esige la massima trasparenza negli atti e nelle decisioni che le Amministrazioni degli enti pubblici devono nei confronti dei Cittadini. Da questo punto di vista il lavoro che ci aspetta non è dei più facili, perché il sistema dei partiti non si premura certo di fornire mezzi di controllo, anzi cerca di tenere ben nascosto ciò che sta dietro alle decisioni importanti.

Modena ha bisogno di collaborazione e non di falsi giochetti tra destra e sinistra. Per poter migliorare la nostra qualità di vita, misurandola su coloro che oggi rischiano concretamente di restare indietro, abbiamo bisogno di persone che portano il loro contributo animate solo dalla ricerca del bene per tutti i Modenesi. Il resto è solo marketing di bassa lega.

​Movimento 5 Stelle Modena
pub tazzina di caffe rid
Top Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: