Expo: 10 domande, Muzzarelli saprà rispondere ?

expo 2015
expo 2015

Dal sito Modena5stelle.it pubblichiamo

10 domande al sindaco Gian Carlo Muzzarelli a 100 giorni dall’avvio di EXPO 2015

 

  1. L’ex direttore della Galleria Civica Marco Pierini aveva programmato con congruo anticipo la mostra Eat Art in transformation di Daniel Spoerri, l’artista conosciuto a livello internazionale per aver esplorato il rapporto tra cibo e arte. La decisione del sindaco su un diverso utilizzo della sede espositiva, la Palazzina dei Giardini, ha creato uno sconcerto e una disapprovazione nazionale e internazionale che sicuramente con gioveranno a Modena. Perché, invece, il sindaco non ha pensato, in tempo utile, di valorizzare la mostra chiedendone la pubblicazione sul sito di EXPO 2015 come ha fatto, ad esempio, Brescia con la mostra Il cibo nell’arte?
  2. Mancano 100 giorni all’inaugurazione di EXPO. Il sindaco non pensa che sia almeno opportuno informare il Consiglio Comunale sulla progettazione culturale, sulle iniziative e sull’accoglienza turistica che saranno realizzate in occasione di EXPO? In particolare, in quali eventi, attività, iniziative il Comune di Modena avrà diretta responsabilità organizzativa e gestionale?
  3. Quali strumenti comunicativi il sindaco ritiene di utilizzare per far conoscere le iniziative connesse a EXPO e per intercettare i flussi turistici di cui tanto si parla, ma che certamente non arriveranno “spontaneamente” a Modena? Considerato che il 47% dei turisti europei si avvale del web per acquisire informazioni turistiche e orientare le proprie scelte, il sindaco ritiene che il sito www.visit.modena.it sia uno strumento commisurato, per efficacia, all’occasione di EXPO? In particolare, ritiene adeguata la comunicazione in lingua inglese e le informazioni sulla città che l’utente ricava dallo stesso sito?
  4. Su quali studi si basa la pianificazione dell’offerta turistica? A quali tipologie di visitatori ci si rivolge? Quali obiettivi ci si pone? Data la carenza di strutture alberghiere in città, come pensa il sindaco possano essere alloggiati i turisti che arriveranno a Modena? Non ritiene opportuno che anche Modena sviluppi forme innovative di ospitalità a basso costo come, ad esempio b&b, couchSurfing, stanze in affitto a prezzi competitivi?
  5. Quali rapporti istituzionali ed economici intercorrono fra il Comune e la società Palatipico? In particolare, come saranno suddivisi costi e ricavi dell’evento fra Comune, società Palatipico e altri soggetti pubblici o privati?
  6. Cosa pensa il sindaco del fatto che gli interventi migliorativi messi in essere in occasione dell’evento debbano preludere a una organica opera di manutenzione della città a partire dai suoi punti di accesso? Saranno effettuate scelte in questa direzione in sede di predisposizione del bilancio 2015?
  7. Per partecipare a EXPO, diversi soggetti ed enti si coordineranno e svilupperanno significative relazioni comuni. Non ritiene il sindaco che il Comune debba agevolare la continuità di queste collaborazioni? Se sì, quali strumenti saranno messi in campo dall’Amministrazione?
  8. La petizione on-line ”Salviamo la Palazzina dei Giardini” ha superato quota 2.500 firme documentate e la pagina facebook conta oltre 3.800 “Mi piace“. Il sindaco, coerentemente con quella che egli stesso ha definito la sua “politica dell’ascolto” non crede sia indispensabile accogliere questa indicazione e collocare il Villaggio del Gusto in spazi diversi, alcuni dei quali già suggeriti ma, a quanto è dato sapere, nemmeno esaminati?
  9. “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita” è il tema di EXPO 2015, inteso come confronto fra i partecipanti per riuscire a garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti i popoli nel rispetto del pianeta e dei suoi equilibri. Quali, fra le iniziative ad oggi previste, ritiene coerenti con questo tema vitale per il pianeta?
  10. Il sindaco prevede di organizzare ulteriori iniziative culturali che possano avere ricadute positive sui cittadini modenesi in termini di scelte più consapevoli, stili di vita maggiormente sostenibili, partecipazione dei cittadini, utilizzo di tecnologie all’ avanguardia?

vuoi un sito