You are here
Il Comune, i chioschi e l’arroganza Parco Rimembranza 

Il Comune, i chioschi e l’arroganza

screenshot-edicola lanuovaprimapagina it 2015-03-27 09-21-25

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Riportiamo per intero il Comunicato Stampa diramato dall’efficientissimo ufficio comunale sulla variane approvata dal Consiglio Comunale che consente di realizzare nei parchi pubblici qualsiasi costruzione edilizia. Un maldestro tentativo per cercare di risolvere la questione dei chioschi nel Parco delle Rimenbranze modificando le regole in una fase in cui permane il sequestro dei cantieri e si attende l’avvio del processo a carico di due assessori e di due dirigenti comunali.
L’arroganza del potere si fa sentire in tutta la sua pesantezza.
Di seguito potete leggere le dichiarazioni delle opposizioni che ovviamente hanno votato contro. Ma questo non basta. Occorre di nuovo che siano i cittadini a mobilitarsi per far presente a questi allegri amministratori che il Parco della Rimenbranza è un parco storico tutelato in cui costruzioni in edilizia e con fondamenta in cemento non possono esssere costruite.


“Con questa Variante al Rue non pensiamo di risolvere il problema dei chioschi al Parco delle Rimembranze, ma tale vicenda ha evidenziato la necessità di esplicitare nel Regolamento urbanistico edilizio quanto già previsto dal Piano operativo comunale (Poc) in merito alla possibilità di realizzare nei parchi pubblici manufatti di servizio necessari alla pubblica sicurezza e alla migliore fruizione da parte della collettività. La questione chioschi è altra cosa e ci stiamo lavorando”.

A favore della delibera si sono espressi Pd e Sel, contro M5s, Ncd, FI, CambiaModena e Per me Modena.

Per il M5s, Marco Bortolotti ha sottolineato che “si sta ripercorrendo un percorso già vissuto e si tenta di correggere un’anomalia, quella legata alla problematica dei chioschi, su cui con la variante si vuole andare a dare un’interpretazione. Per il Movimento la normativa precedente era chiara e corretta – ha precisato il capogruppo – i chioschi dovevano essere strutture senza fondamenta”. Il consigliere ha infine sottolineato che “tutte le articolazioni che si stanno studiando in questo periodo devono essere inserite in un quadro più complesso, quello del Psc, che richiederà ancora del tempo”. Della stessa idea anche Mario Bussetti, per il quale “la legge regionale è chiara e vieta certe cose: la normativa non cambia per l’uso che ne viene fatto – ha precisato – anche se si disattende per 20 anni. La modifica che si vuole fare va attuata tramite Psc, strumento che consente di superare queste difficoltà. Tutte le altre soluzioni sono scappatoie che portano a bloccare la situazione per molto tempo, come è successo”.

Secondo Luigia Santoro del Ncd “questa variazione non può portare a niente. Si parla di un parco storico tutelato – ha aggiunto – il parco delle Rimembranze, e la modifica al Rue non risolverà la questione dei chioschi, perché si è intervenuti con la costruzione di strutture pesanti, cementificando il parco, mentre doveva essere fatta esclusivamente una riqualificazione. Interventi di quel genere – ha concluso – possono essere realizzati in parchi non di interesse storico o sotto tutela”.

Anche Adolfo Morandi di FI ha evidenziato come questa variante cerchi di “rendere autorizzabili le strutture sequestrate al Parco delle Rimembranze, frutto di una progettazione standardizzata della precedente Giunta. Ma tale modifica al Rue – ha proseguito – è una pezza e non sarà la soluzione a qualcosa che è già avvenuto. Tutto rimarrà bloccato, privando la città di servizi per fruire del parco pubblico anche nella prossima stagione estiva”.

Per il Pd, Marco Forghieri ha sottolineato che “fino a quando c’è un sequestro giudiziario in atto è difficile concludere rapidamente l’iter sui chioschi. È chiaro che, allo stato attuale – ha continuato – non si risolve la situazione esplicitando una normativa, ma è giusto che venga precisata e che vengano coperte delle lacune. Il fatto che sulla variante non siano state poste osservazioni, inoltre, è significativo”, ha aggiunto. Fabio Poggi ha precisato che, con la delibera, “non si sta dando l’ok al progetto dei chioschi, né tantomeno si cerca di interferire con il percorso giudiziario”. Il consigliere ha chiarito che “si tratta di una variante urbanistica, non di una interpretazione, e che la delibera è già stata oggetto di adozione”. Nel merito della variante, Poggi ha infine affermato che “qualsiasi cittadino farebbe fatica a essere contrario a un documento che consente di effettuare interventi per fornire servizi e maggiore sicurezza pubblica nei parchi”.

Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: