You are here
Trenino, il parere del Comitato per la tutela del Parco della Rimembranza Parco Rimembranza 

Trenino, il parere del Comitato per la tutela del Parco della Rimembranza

screenshot-www facebook com 2015-04-05 17-11-23

 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblichiamo appena ricevuta l’apprezzata nota a cura del Comitato per la tutela del Parco della Rimembranza. Ci associamo ancora una volta alle convinte parole di Rita Del Vecchio  in difesa non solo dello storico trenino ma di tutta l’area del parco citatdino per troppo tempo abbandonata e senza più la cura e la manutenzione necessaria. 

Modena negli ultimi anni ha perso molti treni rispetto alle realtà più’ vicine, come Reggio Emilia, Bologna, Ferrara, Mantova etc. etc.

Perderà anche l’ultimo treno, il mitico trenino Gatto Silvestro? Sembra proprio che l’Amministrazione Comunale non paga di tutto il danno fatto al Parco, continui a pensare a come peggiorare la situazione di una città che ha perso, in pochi anni, smalto, competitività ed interesse ad entrare in circuiti virtuosi e non viziosi come invece sembra ormai caduta. 

 
Il Parco della Rimembranza, privato dell’attrattiva del trenino perde un altro storico interesse per i suoi fruitori, come va di moda chiamare i frequentatori, che non sono soltanto quelli che si ritrovano per gli aperitivi in tarda serata per continuare poi con intrattenimenti musicali e stuzzichini vari accompagnati da abbondanti bevande alcoliche, sono anche quelli più’ silenziosi e rispettosi che non dispongono magari di risorse economiche da devolvere in ristorazioni costose ed esclusive, ma che si accontentano  di un caffè o di un gelato come gli assidui frequentatori anziani che sostavano sempre vicino alla stazione del trenino Gatto Silvestro, per godere della compagnia dei  piccoli viaggiatori, dei loro accompagnatori e per fare quattro chiacchiere con la gentile macchinista che ha condotto per anni una locomotiva ed i suoi colorati vagoncini  meritevoli  di maggiore interesse e tutela.
Invece no, ed adducendo misure di sicurezza ed invocando norme e disposizioni che non sono mai sufficienti, si vuole, ancora una volta, trarre in inganno i cittadini modenesi sulla “pericolosità” di una macchina che ha trasportato generazioni di bambini senza incidenti, quando invece adesso si’ il Parco della Rimembranza nel suo voluto degrado ed abbandono è  diventato un luogo poco raccomandabile. A tal proposito i nostri amministratori e dirigenti comunali hanno provato a portare i loro bambini, figli o nipoti che siano, nel Parco e magari a farli viaggiare sul trenino? Potrebbero cambiare idea vedendo il loro sorriso e condividendo il loro divertimento.
Il comitato ribadisce che un luogo vive in funzione della cura che la sua destinazione merita, in questo caso anche un bambino capirebbe, che un parco vive prima di tutto di cure continue del verde, di manutenzione degli arredi: illuminazione adeguata, pulizia, controllo del territorio da parte degli organi competenti, bagni pubblici accessibili, giochi, fontanelle d’ acqua etc. etc.
Questo però non è abbastanza per i nostri amministratori che sono forti coi deboli e deboli coi forti.
Rita Del Vecchio
presidente del Comitato per la tutela del Parco della Rimembranza


Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: