You are here
Liti tra “Signore” News 

Liti tra “Signore”

pd, signore


Nel PD siamo alle liti tra “Signore”. La “Signora Antonia” respinge ogni accostamento con la “Signora Francesca” (ovviamente Maletti). Due livelli diversi, sostiene stizzita l’Antonia: io mi interesso di temi generali extra città (tradotto: non disturbo il manovratore Muzzarelli), ma volo alto, tengo vivi cultura e valori della sinistra progressista e riformista (tradotto: mi aggrappo alla memoria e resto nei ranghi).
Certo sono “grandi” temi, più elevati rispetto a degrado, insicurezza, inciviltà, crescita della disoccupazione giovanile e della povertà e che l’amministrazione di sinistra non riesce a contrastare.
Credo che neppure dalla “Signora Francesca” usciranno idee e proposte salvifiche per questa povera Città. Se le avesse avute le avrebbe spese in campagna elettorale.
Però, senza voler mettere il naso nei litigi tra signore, mi sa che Antonia un aspetto di potenziale criticità di questa new entry l’abbia colto: la possibile “confusione tra ruolo pubblico e posizioni personali”.
Ecco dove la “Signora Francesca” è pericolosa e può turbare il sonno modenese: nel ruolo istituzionale di Presidente del Consiglio Comunale. Ovviamente, a condizione che trovi il coraggio di esercitarlo fino in fondo. Infatti mentre l’Antonia si preoccupa dei valori democratici nazionali, la “signora Francesca” potrebbe provare a dare una rinfrescata al concetto di democrazia a livello locale.
Come Presidente del Consiglio Comunale ella ha infatti il potere e il dovere di fare in modo che le minoranze possano esercitare il proprio ruolo nel rispetto e nella considerazione generale. Incominci allora, ad esempio, a insegnare al capogruppo del PD, Trande (papà della “signora Antonia”), che è politicamente scorretto impossessarsi degli Ordini del giorno “intelligenti” delle minoranze, cambiandone i proponenti e ripresentandoli pressochè identici come OdG del PD.
Provi anche la “Signora Francesca” a farsi garante delle voci e delle proposte delle minoranze. E’ un bene che ci siano, che siano attive, vivaci e differenti. Perché solo in questo modo la maggioranza, perfino quella attuale sonnecchiante, potrebbe sentirsi stimolata a dare il meglio di sé.

Giuseppe Pellacani, Consigliere comunale di Forza Italia del Comune di Modena


Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: