News 

70° della Liberazione di Modena, un’incredibile ‘dimenticanza’?


Scorrendo l’opuscolo di ben 8 pagine dense di eventi, manifestazioni, mostre, feste, incontri e musica per celebrare il 70°anniversario della Liberazione, organizzato dal Comune di Modena insieme ad altri enti, colpisce quella che parrebbe essere, vogliamo sperare, un’incredibile ‘dimenticanza’. Nelle decine di appuntamenti in programma non si trova uno specifico momento espressamente dedicato a chi ha liberato Modena e il suo territorio.

Eppure, dopo decenni di una storiografia tutta orientata a solo a celebrare ed esaltare l’epopea partigiana, si pensava che, anche solo un piccolo riconoscimento alle truppe alleate che hanno liberato la città, non togliesse nulla a chi ha combattuto nelle formazioni partigiane.

Era stato di buon auspicio il dibattito, di pochi giorni, fa che si era tenuto a Modena pochi giorni fa. L’occasione era stata la presentazione del volume ‘L’ultimo lenzuolo bianco’, edizioni Artestampa firmato da Gino Malaguti.

L’autore si era confrontato con Claudio Silingardi dell’Istituto storico. Con ‘inaudita’ franchezza per queste zone tradizionalmente ‘rosse’ si era evidenziato il ruolo assolutamente fondamentale delle forze armate alleate che utilizzarono oltre 60mila soldati per sfondare la Linea Gotica. Un ruolo mai messo abbastanza in luce, se non addirittura relegato in un colpevole cono d’ ombra.

Malaguti nel suo volume non sminuisce il movimento partigiano ma si chiede legittimamente perché per ricostruire i fatti di quei momenti siano state acquisite solo fonti e testimonianze provenienti solo da quel mondo.

Il libro di Malaguti, frutto di anni di laboriose ricerche per vagliare i diari dei soldati alleati, le fonti militari statunitensi e alleate, i diari dei parroci dei comuni interessati, ci consegna una prospettiva nuova e a anche diversa nella lettura degli avvenimenti che portarono alla Liberazione di Modena, Bologna e della pianura padana.

Fu il quarto corpo d’armata statunitense che liberò tra il 21 e il 22 aprile nell’ordine i seguenti Comuni: Castelfranco Emilia, Nonantola, Bomporto, Carpi e Modena. Battaglie che hanno lasciato sul campo per gli Alleati morti e feriti di cui non si parla mai.

Sarebbe stato giusto ed importante ricordarli adeguatamente quegli uomini venuti da lontano per liberare una terra che non era la loro. Non vorremmo, purtroppo, che nelle doverose celebrazioni per la Liberazione si sia trovato il modo per mantenere in vita una dimenticanza che non ha più ragion d’essere, soprattutto a Modena.

via70°anniversario della Liberazione di Modena, un’incredibile ‘dimenticanza’?.


Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: