You are here
Ancora un funerale News 

Ancora un funerale

screenshot-www ceprinicostruzioni it 2015-05-26 18-47-28

E vai! Anche sullo scalo merci di Marzaglia cala il sipario.  La TIE, società che univa le principali associazioni economiche modenesi con lo scopo di predisporre l’organizzazione dell’area limitrofa allo scalo merci, è stata sciolta. Ora cosa resta? Un ipotetico nodo logistico che doveva movimentare tre milioni di tonnellate di merce all’anno e uno scalo ferroviario nel deserto di infrastrutture di supporto. Se ne è parlato tanto, è stato spacciato come il fiore all’occhiello del rilancio di Modena e poi alla fine scopriamo che come al solito non si raccoglie nulla. Solo spese.  Finirà come una delle tante opere “incompiute” che costellano l’Italia e che hanno quale unico risultato quello di avere dilapidato quattrini. Quanto è costata in questi anni la TIE ai modenesi? Quanto è costato e a cosa servirà, a questo punto, lo scalo merci di Marzaglia?  Qualcuno afferma di conoscere la malattia e di sapere come curarla, ma non è sicuro sugli orari per somministrare le pillole. A me sembra che sarebbe ora di smettere di affrontare le “malattie” modenesi con dei placebo e dire una buona volta la verità. Chiuso per fallimento, non per ferie!

La situazione è grave perché Modena ha già visto svanire troppi progetti: la piscina al Parco Ferrari, il polo dell’ICT, la ristrutturazione delle exFonderie, e via discorrendo. E molti sono anche quelli che non godono di buona salute: vedi i chioschi nel Parco delle Rimembranza, l’ex AMCM, le ciclabili di Via Giardini e di Via Emilia. In pratica la precedente amministrazione non lascia nulla, ha solo scherzato per 10 anni.

E non è che con la Giunta Muzzarelli si intravedano migliori prospettive. Anzi. Per non avere delle delusioni sembra aver ingranato la marcia più bassa, procedendo a passo d’uomo. Niente promesse, niente fallimenti.

Sarà anche una tattica di sopravvivenza politica, ma rappresenta la morte civile di Modena, città sempre più irriconoscibile e che affonda nella crisi più nera tra insicurezza, crescita delle povertà, mancanza di lavoro, e così via. Modena che invece di preoccuparsi di una situazione sociale ed economica gravissima, sembra risvegliarsi nella parte peggiore solo per scendere in piazza a fare baccano per impedire ad altri di esprimere le proprie idee. Forse siamo veramente alla frutta. Si sta perdendo anche il concetto di democrazia. “

Giuseppe Pellacani, Consigliere comunale di Forza Italia, Comune di Modena


Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: