You are here
Un matrimonio che non sa da fare tra Galleria Civica e Fondazione Fotografia News 

Un matrimonio che non sa da fare tra Galleria Civica e Fondazione Fotografia

fondazione_fotografia_modena_555

Che con la cultura i nostri amministratori non ci sappiano fare è cosa arcinota e comprovata. Anche il sindaco Muzzarelli è partito alla grande trasformando la Palazzina Vigarani in mostra dei prodotti tipici modenesi, che con l’arte fanno fatica a starci, nonostante la benedizione di qualche famoso ristoratore. A meno di un anno di legislatura e al termine del primo round, con le dimissioni clamorose del direttore Pierini il Sindaco è già al tappeto.

Il secondo round si apre con l’affitto di locali alla Manifattura Tabacchi e il finanziamento di una mostra d’arte moderna del duo Bottura-Mazzoli. Questa decisione è stata investita da una tempesta che non si placa è già si profilano altre ombre nere all’orizzonte. E così, di nuovo, Sindaco al tappeto.

Leggo quindi ieri dell’intenzione di Muzzarelli di unire la Civica e la Fondazione Fotografia, ente strumentale della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Non mi pare vero che si possa pensare ad una cosa del genere vista la sproporzione di funzioni e finalità dei due enti. Siamo agli inizi del terzo round e già si profilo un terzo finale con Sindaco al tappeto.

Nel 2012 i consiglieri comunali del PD votarono entusiasti la proposta dell’allora assessore Alperoli di entrare nella costituenda Fondazione Fotografia al 49% senza impegni finanziari futuri, anzi liberandosi del Museo della Figurina che a pochi anni dall’inaugurazione, anche questa entusiasta (come succede nei regimi), aveva raggiunto costi di cui il Comune voleva sbarazzarsi. Le opposizioni in Comune, in particolare Forza Italia, furano contrarie all’operazione primo perché spostava l’interesse della Fondazione CDRMO dall’arte (quella vera) modenese che recuperava nei mercati internazionali, secondo perchè con l’ingresso del Comune nella Fondazione Fotografia si legittimava la Fondazione CDRMO a orientare la cultura a Modena verso questo settore a scapito di altri, e terzo perché ritenevano che l’operazione avrebbe avuto scarso successo, considerando che la fotografia non è proprio una peculiarità modenese, con tutto il rispetto per alcuni illustri fotografi.

Previsioni tutte azzeccate,  come dimostra il fatto che oggi è la Fondazione CDRMO a pensare di disfarsi della Fondazione Fotografia a spese del Comune di Modena. Ciò che è dato è reso.

Qual’è la realtà della Fondazione Fotografia: uno spreco enorme di soldi per un comitato tecnico internazionale, un master e mostre di qualità non rilevante, “costose, viste da poche persone”.

Premesso che per la Fondazione Fotografia sono stati sperperati molti quattrini modenesi e che gli ineffabili componenti del CdA della Fondazione CDRMO non risponderanno in alcun modo delle loro scelte poco azzeccate, pensa il sindaco Muzzarelli di raddrizzarne le sorti dandola in matrimonio alla Galleria Civica? Nella situazione fallimentare della Fondazione Fotografia il Comune potrebbe riprendersi, seppure con sofferenza e rammarico, il Museo della Figurina e lasciare la patata bollente della Fondazione Fotografia ai suoi ideatori e realizzatori, prof. Landi e c. Invece di lanciare stravaganti ed estemporanee operazioni, il Sindaco si sbrighi a fare ciò che gli compete, cioè nominare un Direttore della Galleria Civica. Sarà anche vero infatti, come sostiene il Sindaco, che «alla Civica abbiamo un’ottima dirigente numero due», però noi modenesi della sua vivacità e capacità d’iniziativa prima dell’arrivo del Direttore Pierini e dopo la sua sbattuta di porta non ce ne siamo mai accorti.

Giuseppe Pellacani, consigliere comunale di Forza Italia nel Comune di Modena


Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: