You are here
Villa Ombrosa: ennesimo progetto archiviato News 

Villa Ombrosa: ennesimo progetto archiviato

villa ombrosa

Villa Ombrosa,  storica dimora di L. A. Muratori, in via Vignolese, per anni abbandonata a vandalismi e occupazioni varie, poi sgomberata nel 2010, viene destinata dalla Giunta Pighi a diventare la “casa delle donne”, cioè la sede di sette associazioni femminili federate nel 1990 (Udi (Unione Donne in Italia di Modena), Associazione Differenza e Maternità, Centro documentazione donna, Associazione Gruppo Donne e Giustizia, Casa delle Donne contro la violenza Onlus, Associazione Donne nel mondo e Adaser (Associazione donne arabe e straniere in Emilia-Romagna), che campano di finanziamenti gentilmente eeogati dagli enti pubblici modenesi, avendo il merito di essere  da sempre affiancatrici del PD. Con quell’atto il sindaco Pighi ripagava la fedeltà elettorale alle amministrative 2009, vinte per il “rotto della cuffia” e il “premio fedeltà” veniva confermato dal neo sindaco Muzzarelli, con lo stanziamento di una somma considerevole  (ben oltre 1 milione di euro).


In questi giorni, secondo un altro triste copione, anche questa iniziativa viene archiviata e va ad aggiungersi ai tanti grandi progetti di recupero e riqualificazione modenesi che mai vedranno la luce.

Sicuramente in questo caso non provo nessun rimpianto. “La casa delle donne” è un progetto ideologico e in consiglio avevo votato contro, ritendo che le priorità fossero altre. Le associazioni hanno diritto di vivere, però guadagnandosi il pane con il “lavoro”, non andando a riscuotere con la carta di credito politica da comuni (di Modena e limitrofi) e provincia che hanno ben altro a cui pensare

Il sindaco Muzzarelli liscia il pelo alle signore dicendo che il progetto è solo rimandato al futuro a causa delle casse vuote. Visto che, con l’aria che tira, il progetto resterà solo sulla carta, non sarebbe il caso di ripartire da zero, ripensando non solo al contenitore ma anche al contenuto, in modo da rendere il recupero (necessario) della villa e del parco che la circonda  funzionale a reali esigenze dei cittadini e casomai pure interessante  per eventuali finanziatori esterni? Altrimenti temo che dovremo rassegnarci ad avere a Modena l’ennesima area destinata al degrado e all’occupazione di delinquenti e balordi.

Giuseppe pellacani, Consigliere comunale di Forza Italia nel Comune di Modena

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: