Siamo i migliori

bottura sindaco

Bisogna ammetterlo a Modena abbiamo delle vere eccellenze, siamo i migliori in tutto. Un infelice slogan recita che a Modena tutto diventa arte. Probabilmente è vero. Abbiamo un sindaco eletto con meno del 50% dei votanti, che prende in affitto i locali dell’ex manifattura per rigraziare chi lo ha sponsorizzato in campagna elettorale. Ha anche assunto con incarico diretto la moglie disoccupata del sindaco di Reggio.
Siamo grandi non c’è niente da fare. Veniamo da dieci anni di amministrazione Pighi dalla quale ereditiamo un parcheggio in cui nessuno vuole andare nemmeno dietro compenso, potremmo provare con le minacce, il Mef che dopo il flop iniziale abbiamo regalato alla Ferrari che lo usa come museo secondario, un opzional, rispetto a quello di Maranello che rimane il museo trainante.
A Modena siamo unici. Il geometra Sitta ha creato delle meraviglie, l’archeo patacca che ricopre il parcheggio sotterraneo, i chioschi nel parco delle rimembranze … sotto sequestro.


Una grande Modena, la Procura avvia una indagine che coinvolge anche la CPL, il procuratore va in pensione e il giorno dopo diventa supervisore della cooperativa. Magnifico.
Tralasciamo lo stato delle ex fonderie e dei vari progetti reclamizzati, della ex AMCM e di tutte le altre incompiute.

Modena è la città delle eccellenze. Ad esempio questa estate nelle iniziative Modena Expo ai Giardini Ducali siamo riusciti, soli in tutta Italia, a non fare arrivare nemmeno un turista. Non è facile ma ce l’abbiamo fatta.
E poi abbiamo Bottura, il chimico, l’uomo presente ovunque, che tra un piatto “cucinato con gli avanzi”, una mousse di mortadella, un tortellino incapsulato in un ovulo di gelatina ci sta facendo dimenticare i sani sapori di una volta. Per Bottura il sapore è spray, una spruzzata e via. Siamo i migliori.