You are here
A proposito di cavalli e altri quadrupedi News 

A proposito di cavalli e altri quadrupedi

Ho dichiarato e ho scritto. Verba volant scripta manent. A proposito delle polemiche sull’animale: è un clono, sono gemelli, sono soltanto parenti? E’ uguale? Forse che sì forse che no!

cav1Esposto a Ravenna e Faenza
E se il cavallo cambiasse città? E’ il titolo di un articolo dell’epoca.
Non un regalo né un prestito: l’opera di Mimmo Paladino sarebbe dovuta andare a un gruppo di imprenditori. Fallita la trattativa è rimasta a Ravenna. Dopo 7 anni a Faenza in una nuova mostra nel 21012

cav2
Cavallo esposto al Mata di Modena
Domenica 4 ottobre 2015 ho scritto un articolo pubblicato da Prima Pagina.
Riporto il passaggio che fa riferimento al cavallo.

“E’ un cavallo identico a un altro che per due anni è stato esposto a Faenza. Non nel 1250 a.c.; non si trattava di quello che usarono i Greci per espugnare la città di Troia, che aveva una gran pancia. No, no, è stato esposto in epoca recentissima dal 25 maggio al 7 ottobre 2012 ad opera di Mimmo Paladino. Un cavallo alto e magro come quello del Mata. A Faenza appena l’hanno visto si sono chiesti se si trattava di un omaggio dell’artista alla città. Niente affatto. E’ tutt’ora di proprietà dell’artista. Prima di portarlo a Faenza lo avevano fatto galoppare a Ravenna in occasione di una mostra del 2005 intitolata, con geniale fantasia: “Mimmo Paladino in scena”. Da allora, nessun acquirente si è fatto avanti con 200mila euro. Così l’autore decise di lasciarlo a Faenza nella speranza che la città si abituasse all’animale e ne richiedesse l’acquisto. Restituito. L’opera si innalza a circa 4 metri da terra, ha un basamento in bronzo e gambe da stambecco. Come quella al Mata. Paladino ha dichiarato che il cavallo all’ex manifattura è a casa sua. Come dire … speriamo che ci resti e che paghino. Finita la festa filosofica, cavallo a parte, vedremo se la mostra raggiungerà i 200mila visitatori a cui ha fatto riferimento Philippe Daverio per poterla definire un successo. Ai quattro monopolisti delle attività culturali modenesi: Bottura, Mazzoli, Miana e Panini, che hanno amministrato un 1milione500mila euro di soldi nostri, suggerisco di comprare migliaia di biglietti e garantirsi, sventolando una grande affluenza, l’incarico per il prossimo anno. Ridurrebbero gli incassi del 2015, ma si garantirebbero quelli del 2016”.

Da quando ho scritto l’articolo nessun chiarimento è mai arrivato. Se quello di Ravenna, Faenza , Benevento, Modena sono così diversi, la sola soluzione è di cambiare cavallo o cambiare autore. Così non si confonde l’osservatore. Nel dubbio è meglio diversificare.
Stesso collo. Stesso culo. Stessa linea di schiena. Stesse gambe da stambecco. Prostata infiammata in quello di Faenza. Pareggi e ferratura, leggermente differenziata per tutti. Zoccolo diversificato per inclinazione. Il numero dei muscoli del cavallo di Ravenna e Faenza è di poco superiore a 450. Nella norma anche quello di Benevento, mentre si differenzia quello di Modena, appositamente studiato, che è di 461.
Ora dicono che il successo di una mostra non dipende dal numero di visitatori. Prima dicevano di farla perché sarebbero venuti a vederla da tutto il mondo. Poveretti, e pensare che è passato così poco tempo. Ma l’inquinamento ha effetti anche sulla memoria.

Adriano Primo Baldi

Mimmo Paladino Cavallo esposto a Benevento

cav

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: