L’assessora Vandelli deve dimettersi

screenshot-lanuovaprimapagina it 2015-11-11 05-03-29

Noi lo diciamo chiaro come abbiamo sempre fatto. Non siamo una forza politica, quindi non abbiamo problemi di tatticismi o altro. Diciamo quello che pensiamo in assoluta libertà.
Dopo questa dichiarazione l’assessora Vandelli, sempre quella del conflitto di interessi nella vicenda del Parco delle Rimembranze essendo avvocato dei chioscai, dovrebbe rassegnare le dimissioni.
«Le norme sono un pretesto, l’architettura ha regole altre da quelle che possono essere contenute in un piano, è la qualità del professionista che fa la differenza”

Che significa ?

«Non sono le norme a fare la qualità, credo che la maggior parte dei cittadini ritenga la produzione e continua modifica delle norme siano fastidiosi impedimenti, occorrono meno regole e più autorevolezza demandata alla professionalità».

Di nuovo che significato ha ?

In altri termini tu chiami l’archistar e puoi fare quello che vuoi in barba a qualsiasi regolamento, normativa, piano regolatore ? Questa regola non scritta vale per tutti, anche per i privati cittadini o soltanto per il Comune di Modena sonoramente preso a schiaffi dal Tar per un progetto risultato completamente illegittimo ?

Noi abbiamo paura di assessori all’urbanistica come la Vandelli. E’ stato devastante Sitta nelle due amministrazioni Pighi, la Vandelli pare abbia la vocazione per fare peggio.
Semplificando mentre un privato cittadino prende delle multe salatissime per una piccola tettoia collocata sulla porta di ingresso, un commerciante viene sanzionato per una insegna o per un metro in più di dehor, l’assessora Vandelli si permette di venirci a dire che, nel caso del Comune, le regole e le normative sono pinzillacchere perchè a garantire c’è la professionalità del progettista.
Diamo il via alle più strampalate idee delle archistar  ?
E se dessimo il via alla Vandelli e a questa amministrazione fatta di furbetti, di manichini della storia, di giardini del disgusto ?