E’ tanto difficile capire che non si può far passare una tangenziale sopra una villa liberty tutelata ?

modena_donnino_4




Complanarina, ci risiamo

l M5S aveva chiesto progetti alternativi, ma la Giunta è andata avanti a testa bassa

Nonostante il MoVimento 5 Stelle Modena avesse segnalato la possibile bocciatura della Sovrintendenza riguardo il progetto Complanarina-Villa Lonardi, come poi avvenuto, nulla è stato fatto. Il M5S Modena in Consiglio aveva chiesto alla Giunta di valutare progetti alternativi per la Complanarina, in considerazione del fatto che la Sovrintendenza li avrebbe richiesti. Ma come al solito sono state parole al vento. Con il pretesto di non fasciarsi la testa prima di essersela rotta, di progetti alternativi non ne sono mai stati presi in considerazione. E ora l’intero territorio rischia di avere ulteriori ritardi per un collegamento stradale nevralgico per l’intera viabilità modenese.

Purtroppo la situazione era prevedibile, ma un certo grado di supponenza nel perseguire realmente gli obiettivi (caratteristica ormai riconosciuta alla nostra Amministrazione) trascina le Cittadine e i Cittadini modenesi ad un nulla di fatto. L’Amministrazione comunale si nasconde dietro un dito e fa ricadere queste scelte sulla società autostrade, che da un lato è responsabile del progetto, ma dall’altro – per ammissione del Sindaco e dell’Assessore – non muore dalla voglia di realizzare questi interventi. Proprio per questo motivo il nostro sindaco/presidente Muzzarelli e la sua Giunta, oltre ad ascoltare e a sedersi ai vari tavoli, devono mettere in campo una capacità progettuale che invece appare sempre più manchevole.

Il progetto della Complanarina è uno dei tanti che a Modena si devono fare da oltre 10 anni e che non vanno avanti se non con soluzioni di ripiego spesso inaccettabili. Recentemente è passato in Consiglio anche il caso della rotonda “provvisoria” in via Emilia Ovest per il polo logistico, dove l’amministrazione non è riuscita a far procedere il progetto definitivo per il collegamento tra il polo logistico e l’autostrada o tangenziale, ma solo a far costruire una rotonda che di provvisorio ha solo il nome.

Su Villa Lonardi la Sovrintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici sta semplicemente facendo il suo mestiere e il nostro Comune, nel sostenere di non avere responsabilità in merito, dimostra di non saper nemmeno fare 1+1 . Se si vuole realizzare un progetto serio si devono prevedere anche i rischi e si devono avere a disposizione soluzioni alternative per non farsi chiudere nell’angolo da vincoli e pareri contrari. Ma tutto ciò non è stato fatto. Quando smetteremo – come cittadini e cittadine di Modena – di firmare cambiali in bianco a questa Amministrazione? Brava a fare la voce grossa sui giornali ma priva di quell’umiltà e apertura mentale necessarie per trovare soluzioni “smart” nei progetti complessi che devono essere affrontati.