You are here
MATA: spese senza logica Comunicati 

MATA: spese senza logica

lotto-figurine-panini-135-pezzi-album-campioni-dello

M5S Modena: i cittadini pagano per “figurine doppioni», mentre manca una seria politica culturale

MODENA 18 OTT – Tre esposizioni, tre compensi diversi: 60 mila euro per Mr. Richard Milazzo per la mostra internazionale “Il manichino della storia”; 20 mila euro per il giornalista Leo Turrini co-curatore per la mostra “I migliori album della nostra vita”; 3 mila euro per il prof. Antonio D’Avossa, uno dei curatori della retrospettiva su Daniel Spoerri e la sua “Eat Art in Trasformation”, proposta dalla Galleria Civica in collaborazione con il Museo M.A.X. di Chiasso, in Svizzera. Senza entrare nel merito delle competenze, il MoVimento 5 Stelle Modena si interroga invece sul criterio valutativo alla base dei compensi erogati dall’Amministrazione ai singoli professionisti curatori delle suddette esposizioni. La curatela delle mostre è oggetto di fluttuazioni come le azioni borsistiche e su trattativa privata: per alcuni professionisti l’indice di borsa è decisamente alto mentre per altri vale il contrario. Non è una questione di denaro ben speso o meno: un buon amministratore pubblico deve fare politiche culturali nel solo interesse della collettività.

Invece si assiste alla totale latitanza di una seria politica culturale in città e di conseguenza allo sbocciare (si fa per dire) in ordine sparso di eventi puntuali, privi di una concreta progettualità d’insieme, con ricadute discutibili sulla crescita del territorio e sul bilancio del Comune. Per esempio, l’Amministrazione ha scelto di investire denaro pubblico – 300 mila euro in sei anni – in spazi espositivi privati come quello del Mata presso l’ex Manifattura Tabacchi, comparto finito di recente al centro delle cronache per le difficoltà economiche della proprietà, un insieme di enti pubblici e privati tra cui figurano anche finanziatori della campagna elettorale del Sindaco Muzzarelli. Anche la recente mostra sulle figurine suscita non poche perplessità: un doppione (assai caro) di mostra rispetto al Museo della figurina ospitato stabilmente a Palazzo Santa Margherita!

Per il MoVimento 5 Stelle Modena l’assenza di una politica culturale in città si palesa infine nel fatto che l’Amministrazione continua a creare nuovi contenitori senza pensare al contenuto. Appartengono a questa categoria il famigerato “Polo dell’immagine” (ancora senza guida) e per certi aspetti il recupero del complesso dell’ex-Sant’Agostino. Con tali premesse è difficile che i soldi dei cittadini risultino alla fine spesi bene.

Modena in MOvimento
MoVimento 5 Stelle Modena
Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: