You are here
DENUNCIATI GLI ATTACCHINI ED IMBRATTATORI DEL “SI” Comunicati 

DENUNCIATI GLI ATTACCHINI ED IMBRATTATORI DEL “SI”

img_9341

Alcuni militanti del SI coprono i manifesti del NO sui tabelloni elettorali
ed altri li imbrattano con scritte inneggianti al SI

DENUNCIATI GLI ATTACCHINI ED IMBRATTATORI DEL “SI”
AI SOPRUSI RISPONDIAMO:
#STATE SERENI: AVETE GIA’ PERSO !

Decine di manifesti coperti dai militanti ed attacchini abusivi del SI, altri manifesti imbrattati con scritte inneggianti al SI. Per questo comportamento antidemocratico, e illegale li abbiamo denunciati (vedi allegato) e qualcuno pagherà multe salate! Un comportamento che contiene un chiaro messaggio: gli attacchini del SI e i loro referenti politici hanno paura di perdere! Comprendiamo la loro paura. Nonostante un vero e proprio regime finanziario sia schierato per il il SI, le ragioni del NO prevarranno perché hanno già vinto nella coscienza di milioni di cittadini, perché il NO è sostenuto da decine di migliaia di giovani e ragazze, giuristi, associazioni come Anpi, Cgil, Arci e, soprattutto, da un grande popolo di volontari che si finanzia solo grazie alle sottoscrizioni. E questo fa paura! Anche se il danno prodotto dal SI al libero confronto democratico non è riparabile.
Ma quali sono, oggi, i principali problemi dell’Italia e della nostra democrazia? Loro vi dicono la Costituzione, noi rispondiamo la disoccupazione e la precarietà senza limiti del lavoro soprattutto giovanile, la scuola e la sanità pubblica per le quali si investe sempre meno, la mancata cura idrogeologica dei territori, la criminalità organizzata, una violenza di ogni tipo sulle donne, la corruzione e l’evasione fiscale, il degrado dell’ambiente naturale e del patrimonio storico e artistico, il risparmio popolare senza tutela, il sistema pensionistico senza solidarietà. In una parola la crescita enorme delle diseguaglianze economiche e sociali a causa di una distribuzione della ricchezza che toglie a molti per dare a pochi.

È evidente come la salute malferma della nostra democrazia e la sfiducia nei partiti sono legate al venir meno del legame tra rappresentanti e rappresentati, all’incapacità di interpretare le esigenze dei cittadini, questo è il male di fondo della nostra democrazia.

Al contrario, ci viene proposto di revisionare la Costituzione, indicata in mala fede, come la causa del cattivo funzionamento delle istituzioni.

In realtà è vero l’opposto: è il sistema politico e il genere di interessi che esso privilegia che producono la crisi istituzionale e la sconfessione dei principi più importanti della Costituzione stessa: uguaglianza sostanziale, sovranità popolare, dignità delle persone, lavoro. Semmai la nostra Costituzione deve essere prima attuata davvero, poi eventualmente cambiata! Del resto, l’attuale Costituzione è alla base di tutte le leggi che hanno cambiato in meglio la vita di decine di milioni di italiane/i e che li ha resi protagonisti.

Al contrario la riforma determina un modello di società in cui solo pochi decidono avvilendo la partecipazione e le libere scelte di noi cittadini.

A questa revisione costituzionale che lacera e divide, che colpisce lo stesso articolo 1 della Costituzione nel principio fondamentale: “… la sovranità appartiene al popolo”, è indispensabile rispondere NO.

Gabriele Morelli

Gabriele Morelli

Social media Manager at GMComunicazione
Gabriele Morelli

Latest posts by Gabriele Morelli (see all)

Related posts

Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: