Loading

ple-risorgimento

Anna (Ana come la chiamava chi la conosceva) non c’è più.
Capita che a Modena nella città della solidarietà pubblicizzata sui giornaletti locali, nella città dell’altruismo con fotografi al seguito, a Modena dove il sindaco recita una volta all’anno alla Rotonda vestito da cameriere sempre con piccoli giornalisti a servizio, nella Modena della propaganda botturiana e delle cene con gli avanzi, solo al lunedi, solo per 60 persone, solo per 13 lunedi, capita che una persona muoia su una panchina in P.le Risorgimento nascosta dentro ad un’area verde da sempre abbandonata al degrado, tanto non ci passa nessuno e poi gli alberi coprono, nascondono alla vista il degrado, la sporcizia, la miseria umana di chi su quelle panchine beve e si addormenta oppure muore.
Siamo a Modena, nella città dove tutto diventa arte secondo un orribile slogan coniato da markettari di professione, nella città delle eccellenze, dove ormai la gente ha paura a girare per strada, in certi orari, dove alcune zone sono controllate da bande di spacciatori, siamo nella città dove qualche sprovveduto si chiede come mai la ex Manifattura che è stata ristrutturata così bene sia in fallimento perchè nessuno ci vuole andare e non si accorge delle risse, del degrado urbano che circonda la ex Manifattura che al contrario di essere stata ristrutturata così bene è un monumento all’investimento sbagliato.
In questa Modena falsa e governata con arroganza succede che Ana sia morta la notte di Santo Stefano mentre a 200 metri di distanza si consumava il rito botturiano degli avanzi, mentre un amico era andato a cercare qualcosa per farla mangiare.
Facile dire che Ana è stata uccisa dall’alcool e dalla solitudine.
No, è stata uccisa al contrario dalla solidarietà esposta, raccontata, pubblicata sui giornaletti locali, quella solidarietà che molti modenesi si mettono addosso come un segno distintivo, che ostentano quando si travestono da camerieri per un selfie tra alcuni poveri selezionati.
Modena una città da cambiare.

Top Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: