Loading

baldi

E’ il nostro augurio per l’anno che inizia e per affrontare le nuove difficoltà con la speranza che che si possa cambiare qualcosa. Non ci riferiamo tanto ad una opposizione fatta dai partiti tradizionali e qualche isolata lista civica. Ormai dopo 70 anni abbiamo imparato che l’amministrazione modenese è inattaccabile sotto questo piano, troppi interessi trasversali, troppe collusioni, troppe markette per far sì che una opposizione tradizionale possa fare il suo mestiere con continuità. Poi diciamolo chiaramente anche chi si colloca in questa opposizione partitica ha diverse colpe da farsi perdonare e non ha mai brillato per idee e soluzioni innovative.
Ci riferiamo piuttosto all’opposizione dei cittadini, ai singoli dissidenti, a chi è contro l’arroganza del potere anche caratterialmente, a chi non sopporta più l’incompetenza, la presunzione di amministratori che stipendiati con i soldi dei cittadini lavorano unicamente per loro scopi privati, per salotti ideologici e combriccole di potere.
Questa opposizione c’è ed è ampia anche se ancora fatica d esprimersi con continuità. Chi è attento a queste problematiche può facilmente rintracciare ogni giorno su internet, anche su Facebook, quanto siano indignati ed inizino ad essere consapevoli i cittadini che quotidianamente commentano, scrivono, pubblicano brevi post per dire NO ad una cattiva gestione della vita collettiva, sia che si tratti di una pista ciclabile realizzata in deroga oppure di una programmazione culturale privata finanziata con soldi pubblici.
Certo da una parte c’è il potere politico ed economico, a Modena intrecciato in modo perverso e dall’altra soltanto delle singole opinioni.
Non si illudano però i detentori ed i servi del potere, su internet funziona un fenomeno strano che si chiama condivisione e che consente ad un contenuto di diventare virale e quindi di diffondersi velocemente. Se le singole opinioni di cittadini contro iniziano ad essere condivise da altri cittadini per i detentori e servi del potere è finita.
Ci auguriamo esattamente questo per il 2017.
Nella Modena botturiana, nella città della propaganda, dei selfie istituzionali oggi viviamo un deficit informativo abissale. I giornaletti locali non fanno altro che fare un copia e incolla dei comunicati emessi dall’ufficio stampa comunale che negli anni ha assunto sempre più la funzione di una vera e propria agenzia stampa.
Se qualcuno spera in una nuova Prima Pagina, in un nuovo giornale distribuito in edicola, indipendentemente dalla fattibilità economica di una tale progetto, sbaglia. Sbaglia ad aspettare e sbaglia a stare fermo in attesa di ritornare.
Le idee non aspettano la forma giusta per essere raccontate.
Oggi, subito, senza altri indugi dobbiamo lavorare su internet prima che qualche politicante cavalcando la cosiddetta “post verità” si inventi il Ministero della verità per stabilire, naturalmente sanzionando chi non rispetta le regole, ciò che può essere scritto e cosa deve essere bollato come bufala.
A chiunque abbia voglia di dire quello che pensa noi dedichiamo la raccolta degli articoli che Adriano Pimo Baldi ha pubblicato su Modena Come e Prima Pagina. Per chi non li ha letti, per chi li vuole rileggere, per chi vuole iniziare a scrivere.

 

Top Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com

Warning: inet_pton(): Unrecognized address fc00:: in /web/htdocs/www.modenacome.com/home/wp-content/plugins/wp-statistics/vendor/s1lentium/iptools/src/IP.php on line 35

Warning: inet_ntop(): Invalid in_addr value in /web/htdocs/www.modenacome.com/home/wp-content/plugins/wp-statistics/vendor/s1lentium/iptools/src/IP.php on line 134

Warning: inet_ntop(): Invalid in_addr value in /web/htdocs/www.modenacome.com/home/wp-content/plugins/wp-statistics/vendor/s1lentium/iptools/src/IP.php on line 136