IL SINDACO NOMINERA’ CITTADINI ONORARI ANCHE TRENTA ‘ACCULTURATI’ FAN DI VASCO ROSSI?

di Adriano Primo Baldi

IL SINDACO NOMINERA’ CITTADINI ONORARI ANCHE TRENTA ‘ACCULTURATI’ FAN DI VASCO ROSSI? IN FONDO ALL’ARTICOLO, I POST DI CHI POTREBBE RICEVERE LE CHIAVI DELLA CITTA’.

Il giornalista, Armando Areniello, a proposito dei concerti del ‘Komandante’ ha scritto: “Ci sono i drogati? Si, ci sono, così come ci sono migliaia di persone che invece hanno come unica loro droga la musica di Vasco Rossi”. Infatti, per il pubblico e per i fan è così. Quella dei drogati di cui ho parlato è una categoria come per altri versi lo sono i colombofili, gli allevatori dell’oca grigia padovana, o l’oca agricola di Tolosa. Non ho scritto che il pubblico di Rossi e i suoi fan sono dei drogati. Ho parlato della categoria dei drogati, sparsi in tutta Italia, che hanno trovato in lui positivo esempio di autonomia e ribellione e che partecipano assidui ai suoi concerti. Basta leggere. Se poi i suoi seguaci si vogliono togliere dalla categoria del pubblico e dei fan, dei quali non ho parlato, e mettersi nella categoria dei drogati di cui ho scritto, è una scelta loro.

Resta che Vasco Rossi ha fatto scuola e il suo capoclasse, diventato sindaco di Modena, lo insignisce della cittadinanza onoraria. Arriva dopo Dario Nardella, sindaco di Firenze, che ha consegnato da pochi giorni le chiavi della città alla pop star Mika … Sperano nei voti. Canta che ti passa. Voglio una vita che non dormi mai, voglio una vita piena di guai. Qualche spericolato ci ha lasciato le penne trascinando con sé famiglie d’innocenti; qualche maleducato lavora come infermiere in ospedale o al pronto soccorso; e molti altri, la maggioranza, che è formata da quelli che se ne fregano di tutto sì, si trovano sparsi ovunque. E’ colpa di Vasco Rossi tutto questo? No. Non è colpa di Rossi! Evitare però certi messaggi negativi sarebbe stato un segno positivo e una regola.

Regola dalla quale è giusto dispensare i poeti, i filosofi e gli artisti in generale. Queste categorie possono, in ossequio all’arte, permettersi tutto. Giorgio Bassani nel 1961 presentando le “Poesie della Fine del mondo” di Antonio Delfini (Premio Viareggio postumo, 1963) scrisse: “Ai poeti come ai santi è ammesso proprio tutto e in primo luogo la bestemmia”. E aveva ragione. I poeti non si devono censurare mai, ma alcuni non si devono neanche premiare mai.

Il sindaco di Modena Muzzarelli, il consenso non lo dovrebbe cercare sfruttando la popolarità di Vasco Rossi, avallando con decorazioni i suoi messaggi di vita spericolata, maleducata e menefreghista. Tutto questo lo dovrebbe lasciare, come ha scritto Giorgio Bassani, alla poesia. Chi è stato arrestato per droga non deve pagare tutta la vita. Principiis obsta! Nessuno deve presentare a nessuno altri conti se quelli che erano da pagare sono stati pagati, ma da qui a concedere decorazioni, ce ne passa. Se poi le decorazioni sono insignite in campagna elettorale, il sospetto di strumentalizzazione diventa certezza. Sempre il 17 febbraio a inaugurare una sede per la cultura (Aem), il sindaco ha chiamato il rocker di Zocca. Vedremo se questa speculazione politica sulla popolarità del cantante avrà il consenso omologato di tutte le minoranze, o di una parte, anch’esse bisognose del voto delle masse.

Prendo in prestito autorevoli riflessioni per non infastidire con le mie parole i sacerdoti di Vasco Rossi che si ostinano a leggermi. “Ho imparato che il silenzio di fronte ad un’offesa è un grido che fa tremare la terra. Ho imparato che come un amore rifiutato non si perde ma torna intatto a colui che voleva donarlo, accade per la rabbia, le offese. Siamo noi a decidere se farci toccare o meno da un sentimento, di qualsiasi sentimento si tratti”. Sono parole di Confucio, sicuramente note agli allievi del “Blasco” … Un anonimo: “Discutere con un idiota è sconsigliato perché c’è il rischio di essere trascinati al suo livello. Vincerebbe lui per esperienza”. Per il pittore e scrittore inglese William Blake “generalizzare vuol dire essere idioti”. Non ho generalizzato, ho citato fedelmente, e commentato secondo le mie idee. Nei post che allego c’è la prova che la ”vita maleducata” voluta da Rossi, da molti fan l’ha ottenuta. Ma non sarò io a valutare gli insulti più diretti. Ognuno deve fare il suo mestiere. Molti hanno scritto che Vasco Rossi raduna grandi masse. Ciò non sempre è segno di positività. La storia insegna. Vox populi, vox dei e tutto si semplifica?

C’è chi ha scritto che Vasco Rossi ha commesso errori di gioventù. In questo senso ci sono precedenti illustri. Lo ‘sanno bene’ i fans del Komandante … (a.m.) quando padre Cristoforo è entrato in urto con il conte Attilio, nipote del conte zio, è saltato fuori tutto il suo passato. Il suo far del bene e l’abito talare non gli hanno evitato il trasferimento a Rimini. Non ho chiesto per Vasco Rossi l’abito talare, il suo trasferimento o altre pene per errori commessi in gioventù. Ho chiesto che si lasci nella cattedrale dei suoi fans e ai milionari incassi che questo Dio produce; che sia lasciato alla mercificazione dei suoi valori e al suo altare. Le medaglie e le cittadinanze onorarie dovrebbero uscire da questo circuito commerciale creato da potenti macchine di promozione che hanno sostituito, unendo più generazioni, poeti, filosofi e letterati, con cantanti che, salvo qualcuno come Fabrizio De Andrè e Giorgio Gaber, non vanno oltre arie e canzonette esaltate, appunto, dalle masse.

La politica culturale delle amministrazioni è sempre più orientata al coinvolgimento delle istituzioni nella ricerca di un facile consenso, con intrattenimenti di bassa qualità che vanno a incrementare un mercato dilettantistico, già preda della speculazione culturale privata, somministrando panem et circenses. L’ultimo giorno del 2017 lo conferma: manifestazioni rock in tutte le piazze d’Italia, come sola forma di spettacolo. A Napoli – ricorda Gabriele Pedullà – i Borboni, davano “feste, farina, e forca”.

Culturalmente non c’è scorciatoia che non attiri. E non c’è fanatico che non ritenga la ‘curva sud’ della sua ‘cultura’, un olimpo, e in questo caso un olimpo sul quale innalzare il suo profeta Vasco Rossi. L’importante è far girare la macchina: il biglietto per i fan e le tasse per i cittadini a copertura dei costi indiretti. Muzzarelli, pur provenendo dal partito di Natta, Tortorella, e senza dire di Gramsci, non ha imparto nulla. Ed io non ho inventato nulla: ha già detto tutto George Orwell nella “Fattoria degli animali”, dove denuncia con ferocia critica i regimi politici totalitari, e in particolare il culto della personalità. Un culto capace, da sempre, di deformare ogni realtà e di tradurla in consenso e voti (Muzzarelli) e in pecunia (Vasco Rossi).

Adriano Primo Baldi

Allego alcuni dei più rilevanti commenti al mio precedente articolo, i cui autori potrebbero ricevere dal sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, la cittadinanza onoraria.
Commenti del gennaio 2018

Occhi Blu Ma imbecille sei te e lo stai dimostrando un altra volta con quello che hai appena detto…il provocatore è lei un servo politico di merda che spara cazzate per 5 minuti di visibilità…si dovrebbe vergognare…ha dato dei drogati a tutti quelli che ascoltano Vasco Rossi… perché ? Perché ci piace la vita spericolata? Perché tra farsi la barba o uccidere che differenza c’è? Gliela dico io sig. PAGLIACCIO che differenza c’è….c’è che sono oltre 4 milioni … 4 MILIONI HA LETTO BENE di persone che seguono Vasco su feisbuk che fanno di tutto per poter assistere ad un evento come solo SOLO LUI lo sa fare…che ci vuole fare…noi siamo anche quelli con il fegato spappolato..siamo quelli che mandiamo a farsi fottere le persone come lei..siamo quelli che “Non dirmi che non ti droghi mai…DAI!!!” siamo quelli che non vogliamo un whisky ma anzi doppio…siamo però anche quelli che vorrebbero u mondo migliore e quindi anche senza le persone come lei che sparlano solo perché dalla bocca esce fiato….e infine si ricordi che siamo anche i bambini dell’asilo..che per tenerli impegnati ci vuole un goccino …ci vuole uno spino!!!
Mi piace
• Rispondi • 3 gennaio alle ore 22:12 • Modificato

Occhi Blu Nullacapente e aggiungo pure grande testa di cazzo
Pino Martines Ma va a cagare insieme al tuo simile Giovanardi
Gaetano Briguglio. Bravo! Ora puoi tornare nella fogna dalla quale sei uscito e continuare a bearti di quanto immensa sia la tua ignoranza! Addio inutile
Gaetano Balbo •
Povero sfigato di merda che sei !

Gaetano Balbo • 2 amici in comune
Modenesi infami

Gaetano Balbo • 2 amici in comune
Povero sfigato di merda che sei !
Porta 220.000 persone a Modena dopo 40 anni di carriera ( paganti ) e poi ne parliamo .
Intanto crepa sfigato

Signaroldi Roberto Secondo me sei messo male maledetto
Valerio Ragionieri O Adriano Primo Baldi. buon anno Camerata eia eia alala
Manuel Corgnali Comunque non è vero che tutti i drogati seguono vasco perchè non ho mai visto politici ai suoi concerti

Luca Spadoni Pagliaccio vai al circo
Quello è il tuo posto
Li te la danno l’onoreficenza
Di dire cazzate!!!
Sfigato!!!!

Stefania Iannuzzi Sei un coglione
Oselli Marco Adriano primo baldi non parlare ha vanvera anche i medici hanno fatto cazzate stai zitto stronzo lascia perdere Vasco

Marco Signorelli Tu hai una vita di merda….

Ste Silvia e mo te lo dico sei un povero demente ignorante firmato stefano¡!!!

Debora Lelli In quattro parole…….. ma và a cagà…. Eh già……
Claudio Campanile
Buone vacanze e prima di dire stronzate rifletta.

Franco Bonomelli Lei risponde solo a chi la pensa come lei.. furbo.. classico atteggiamento di persone chiuse radical chic di merda..

Alessandro Miarelli sign. Baldi probabilmente la sua è solo invidia perché di lei sicuramente non si ricorda nemmeno il suo cane…
Quando il culo brucia la bocca sparla.

Stefania Iannuzzi Sei un coglione

Filippo Frasca E questo chi è? Da quale buco è uscito? Ha scritto un post che nessuno si è cagato fino ad ora, che è diventato famoso tra i fan di Vasco.. si prepari per una brutta giornata ricca di offese
Isa Amore Lei è un patetico sfigato. Se ne convinca!
Valentina Epifani Ascolto Vasco da tutta la vita, ogni anno parto dalla Spagna per andare a vedere i suoi concerti e non sono una drogata…a me le canzoni di Vasco mi curano più delle medicine
Antonio Piscitelli La trovo molto squallido…nn spreco altre parole…
Paola Maruzzo Certo che sto Baldi, fac Simile Giovanardi ma sconosciuto al popolo, non ha avuto una gran bella idea a sparare sta cagata…. SI È TIRATO CONTRO UN POPOLO. POVERACCIO
Ketty Spoto Poveretto…sei solo un poveretto!
Fabrizio Di Costanzo Pover’uomo …. cosa si fa per un po’ di notorietà! Va cagar!!
Gestire

Willy Aquilino Come se dottori,politici e parlamentari,non si sono mai drogati

MarKom Santoro Fatti na bomba e rilassati

Antonio Profico….neanche Gesù lo potrebbe giudicare. …”vai a farti fottere….”

Azzurra Vasco Saponaro I Dottori Uccidono….Vasco Fa Vivere…Coglione!!!

Azzurra Vasco Saponaro I Politici Si Drogano…Tutti

Leandro La Rocca La domanda nasce spontanea…. Ma lei chi è???
Chi si crede di essere?Sicuramente un parassita Chi è senza peccato scagli la prima pietra…. Buffone
Pino Martines Ma va a cagare insieme al tuo simile Giovanardi
Andres Bolognesi Adriano Primo Baldi ma va a cagare
Franco Bonomelli Senza parole.. ..225 mila denunce per diffamazione a questo povero coglione pagato da noi..stai zitto..

Elena Calisti Concordo ! Sta leggendo , ha pure commentato …Non dovremmo cagarlo

Francesco Polidori Vasco drogato…? (Risaputo..). Un uomo del 52’…? Ma lo sente l’odore delle cagate che dice..?

Franco Bonomelli Lei risponde solo a chi la pensa come lei.. furbo.. classico atteggiamento di persone chiuse radical chic di merda..

Riccardo El Ponta. Riguardo la droga: il vostro additare Vasco come un drogato ne ha accresciuto il fascino e la notorietà. Voi avete creato il personaggio e lui ovviamente ha sfruttato la cosa.

Marco Incerti Per una cosa mi fa incazzare ….
Perché ognuno di noi ha i suoi scheletri nell’armadio ….
E a distanza di trent’anni rispolverare Vasco Rossi e la droga mi sembra alquanto ridicolo è discutibile dal momento in cui negli anni è decisamente cambiata la situazione ….
Però il signor Baldi di articoli sui politici drogati che votiamo non ci fa un articolo eppure sono quelli che comandano il paese e non cantanti ….
La verità che per un pugno di notorietà anche uno come Baldi vende il culo …. è quantomeno questo Vasco non l’ha mai fatto !!!!
Perché uno può smettere di drogarsi ma paraculo ci si muore !!!

Cinzia Presa Esattamente!

Elena Zanotti Cancella i commenti pagliaccio

Elena Zanotti Cuore arido e cervello piccolo

Elena Zanotti Cosa ne sa lei di Vasco delle sue canzoni e di noi nulla scrive solo un mare di cretinate
Elena Zanotti Ma lei chi si crede di essere,per staccare Vasco e un poveraccio

Elena Zanotti Giancarlo Truant Truant vedi bene di suicidarti

Elena Zanotti E lei una donnetta ingniobile si informi meglio. (il post è rivolto a Emanuela Soncini) (6 /1/ 18)

Cinzia Presa Secondo, la spiegazione/interpretazione delle citazioni delle sue canzoni che hai fatto, fanno capire che non capisci un cazzo!