You are here
Un tappeto di torba per nascondere il cemento Parco Rimembranza 

Un tappeto di torba per nascondere il cemento

Il Parco delle Rimembranze non ha recuperato niente, sotto allo strato di torba messo lì come un tappeto improvvisato che copre in un qualche modo i danni ambientali che sono stati fatti, lì sotto c’è il cemento. Non era sbagliato il primo sequestro che ha contornato un’area più grande. Sono stati i cantieri ad allargarsi più del dovuto, tant’è che proprio nel chiosco Bobotti si è dovuto spostare le rotaie del trenino (c’è un filmato che lo documenta) La responsabilità dell’amministrazione che ancora pensa di continuare a costruire è e…

Read More
L’assessora Vandelli, il suo conflitto di interessi e l’invenzione del chiosco del Cedro Parco Rimembranza 

L’assessora Vandelli, il suo conflitto di interessi e l’invenzione del chiosco del Cedro

L’assessora Vandelli, già avvocato (forse tuttora) dei chioscai ha un conflitto di interessi grande come tutta l’area del Parco delle Rimembranze, area verde e storica che il Comune ha tentato di distruggere con un progetto di capannoni in cemento armato più indicato per mense aziendali che non per sostituire i vecchi chioschi. In questo intento, ricordiamo che all’inizio il Comune voleva addirittura costruire 11 chioschi tutti uguali, il Comune si è inventato di sana pianta il chiosco del Cedro, quello posizionato difronte alla ex questura. L’invenzione, cioè costruire ex novo…

Read More
I chioschi abusivi devono essere abbattuti. Parco Rimembranza 

I chioschi abusivi devono essere abbattuti.

Sulla vicenda dei chioschi nel Parco delle Rimembranze il Comune si è comportato e continua a farlo nel modo peggiore. Ha costruito delle palazzine abusive in cemento armato trasgredendo ai suoi stessi regolamenti. Subito dopo il sequestro da parte della magistratura ha volutamente ignorato che i cantieri bloccati diventassero rifugio di balordi nella vana speranza di manipolare l’opinione pubblica per ottenere il dissequestro dei chioschi in costruzione. Soltanto quando la custodia dei cantieri sequestrati è stata assegnata direttamente allo sceriffo, qualcosa è stato fatto per riportare la situazione sotto controllo….

Read More
I cittadini impediscano al Comune la devastazione del Parco delle Rimembranze Parco Rimembranza 

I cittadini impediscano al Comune la devastazione del Parco delle Rimembranze

Chioschi bulgari nel Parco delle Rimembranze, il Comune senza vergogna alcuna in barba a leggi, regolamenti, vincoli e tutele, fregandosene della magistratura, dopo aver perso tutti i ricorsi che ha presentato al Tribunale del riesame, in Appello e Cassazione, continua a perseguire un progetto sbagliato. Il Comune che straparla di partecipazione, Muzzarelli che apre un tavolo di confronto al giorno, vogliono mettere le mani sul Parco delle Rimembranze per sferrare l’ultimo colpo, quello decisivo, per portare l’imbruttimento della città alle estreme conseguenze e farla morire. Hanno devastato un parco storico…

Read More
Lavori in corso per far ripartire il trenino Parco Rimembranza 

Lavori in corso per far ripartire il trenino

  In questi giorni sono in corso i lavori che riguardano lo spostamento di alcuni tratti delle rotaie nella ferrovia ormai più famosa dell’Emilia, quella del trenino nel Parco della Rimembranza. La gestione, a proprie spese, su indicazione della commissione sta infatti modificando alcuni tratti di rotaie per collocarli nella parte più centrale del parco. Le foto che cortesemente ci ha inviato Maria Vittoria Nota testimoniano l’adeguamento alle indicazioni della commissione. Manca ancora l’approvazione definitiva, ma noi riteniamo che ormai il trenino abbia raggiunto un livello tale di popolarità che…

Read More
Le rotaie del trenino sono state spostate Parco Rimembranza 

Le rotaie del trenino sono state spostate

Una sequenza video dimostra inequivocabilmente che le rotaie del trenino sono state spostate e avvicinate agli alberi. La sequenza è tratta da un video che abbiamo realizzato nell’ambito dell’inchiesta sui chioschi bulgari e abusivi. Gaetano Galli dimostra per il chiosco è stato arretrato verso il parco di circa un metro e mezzo rispetto alla planimetria presentata. Conseguentemente si è proveduto a spostare un tratto delle rotaie del trenino verso tre alberi compiendo altri danni alle radici di tre pini neri. E’ importante ritornare su questo episodio in quanto oggi sulla…

Read More
Modena Come giornale online Modena Come giornale online Emilia Romagna. GMComunicazione - modenacome@gmail.com