Quale emozione! Museo, le immagini esclusive dell’ufficio di Enzo Ferrari

Dal Resto del Carlino apprendiamo che una sezione del Museo Ferrari conterrà oggetti personali appartenuti a Enzo Ferrari.  Quale emozione susciteranno tali oggetti nei turisti che sono attesi a migliaia ? Presto per dirlo, aspettiamo gli eventi.
Constatiamo che la scrivania non poteva che essere sobria,  curiosamente  in linea con i tempi,  ”simile alla cattedra di un insegnante” per usare le parole del Resto del Carlino.
Poteva essere altrimenti ? Assolutamente no.
Quando si celebra il mito ogni dettaglio è assolutamente importante.

Poco importa che sul piano turistico Modena sia rimasta ferma all’immediato dopo guerra, poco importa che attorno al Museo Ferrari sia letteralmente impossibile guardare qualsiasi cosa dato il degrado di tutta la zona. Che importanza può avere che il Duomo, patrimonio dell’umanità, sia rimasto fino ad oggi privo di qualsiasi indicazione e che soltanto oggi ci si appresti ad installare alcuni segnali Unesco compatibili. 
Quello che conta è l’ostentazione della celebrazione del mito spinta fino al ridicolo. 

L’immagine che segue è stata pubblicata sulla pagina ufficiale del Comune su Facebook (pagina in cui non solo non è possibile nessuna condivisione ma si viene anche segnalati per aver inserito commenti critici) 

 

 

 

 

 

 

Niente di meno che il set da barba personale di Enzo Ferrari !!!!
A questo punto la commozione prende il sopravvento e non possiamo che piangere e poi ancora piangere come forse faranno le migliaia di turisti che da ogni parte del mondo invaderanno Modena.

Quasi meglio le parole del Resto del Carlino … quasi.   

“Interessante anche la scrivania di Enzo Ferrari. Semplicissima, simile alla cattedra di un insegnante di scuola. Semplice era anche l’arredamento. Tutti segnali di concretezza, di disinteresse per il superfluo, di precedenza all’operatività.”

viaMuseo, le immagini esclusive dell’ufficio di Enzo Ferrari – Il Resto Del Carlino – Modena.

 

 


Google BookmarksEmailEvernoteGoogle+Google GmailLinkedInOknotiziePinterestYahoo MessengerTwitterShare